SCENARI POST COVID

Ecco perché Coronavirus e crisi economica non fermeranno l’auto elettrica

Il processo di elettrificazione non sarà arrestato dalla crisi economica dovuta al Coronavirus

di Fabio Orecchini*

default onloading pic
Volkswagen Id.3 pronte per la consegna in un piazzale della fabbrica di Zwickau (credit Mario Cianflone)

Il processo di elettrificazione non sarà arrestato dalla crisi economica dovuta al Coronavirus


2' di lettura

Secondo molti osservatori il processo di elettrificazione dell'auto sarà addirittura arrestato dalla crisi economica dovuta alla pandemia mondiale di Coronavirus.

L'equazione presentata a supporto della tesi non è però affatto convincente. In sintesi, si sostiene che l'auto elettrificata, costando di più dell'auto con tecnologia convenzionale, sia automaticamente tagliata fuori e sarebbero impensabili gli investimenti in nuove infrastrutture per la ricarica.
Nel crollo dei mercati dell'auto in tutta Europa, però, accanto agli evidenti e pesanti “segni meno” relativi alle vendite globali, c'è un solo “segno più” e riguarda proprio le auto elettriche ed elettrificate.
A marzo 2020, a fronte del –85% del mercato, in Italia le auto elettriche crescono. In Germania, Regno Unito e Francia, le immatricolazioni di ibride ed elettriche crescono a tassi a doppia e anche tripla cifra.
Tutto lascia quindi supporre che i pochi soldi che ci saranno durante la crisi economica saranno spesi per tecnologie che promettono di durare nel tempo, non apparentemente convenienti ma obsolete.

Per quanto riguarda gli investimenti, una lettura legata a Coronavirus, crisi economica ed elettrificazione è tutt'altro che ostativa. La rinascita si basa anche sulle grandi opere, che intese in forma moderna comprendono le reti, come le telecomunicazioni e l'elettricità intelligente, quella che arriva proprio fino alle auto ricaricabili.
C'è poi la questione ambientale, con la minaccia del cambiamento climatico che ci aspetta rabbiosa al ritorno alla normalità. L'elettrificazione dell'auto è un'arma fondamentale in questa battaglia.
Non ultimo, va considerato l'aspetto psicologico. Da una crisi si viene fuori rivolgendo lo sguardo al futuro. All'uscita dal tunnel ci saranno salti in avanti dal punto di vista tecnologico e poco spazio per prodotti retrogradi.
L'arrivo su larga scala di auto Full Hybrid, Plug-in Hybrid, elettriche a batterie e, perchè no, a idrogeno può quindi essere addirittura accelerato della crisi economica.
Si venderanno meno auto, questo è sicuro, ma quelle che si venderanno saranno maggiormente elettrificate.
Per approfondimenti Coronavirus, ecco perchè la crisi economica non fermerà l'elettrificazione dell'auto.

*Il professor Fabio Orecchini è ordinario di Sistemi per l'Energia e l'Ambiente - Università degli Studi Guglielmo Marconi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...