ALTA FORMAZIONE

Ecco i primi 24 manager della trasformazione digitale diplomati dal competence center Cim4.0

Nelle 350 ore di alta formazione realizzati anche 5 progetti d’innovazione, sperimentabili in alcune aziende coinvolte ossia Avio-Aero, Stellantis e Mista

di Cristina Casadei

I punti chiave

  • I primi manager diplomati
  • Il Competence center
  • Alta formazione

2' di lettura

Arrivano i primi 24 manager diplomati in trasformazione digitale dal Competence Industry Manufacturing 4.0 (CIM4.0). Ci sono ceo, manager e responsabili dell’innovazione industriale tra i primi 24 diplomati della CIM4.0 Academy, il percorso di alta formazione del Competence Center costituito da Politecnico e Università di Torino insieme a 23 partner industriali, da Stellantis a Leonardo a Avio Aero, Eni, Michelin, Siemens, SKF Industrie, Stmicroelectronics e Tim, solo per citarne alcuni.

Il percorso di alta formazione (che ripartirà nelle prossime settimane con una nuova classe) è dedicato a tutti i lavoratori, compresi coloro che sono in fase di ricollocamento, e ha l’obiettivo di formare figure in grado di guidare e gestire la trasformazione digitale delle imprese. Come spiega Luca Iuliano, presidente di CIM4.0 «in un periodo come quello attuale, possedere le skill giuste per supportare strategicamente e operativamente le imprese nel loro processo di trasformazione digitale risulta fondamentale non solo in un’ottica di crescita industriale sostenibile ma anche in termini di competitività internazionale».

Loading...

Il percorso si è svolto in 5 mesi che sono stati dedicati all’upskilling e al reskilling in ottica 4.0 e ha coinvolto 24 persone, di cui 19 professionisti senior e 5 borsisti, di cui 2 hanno già trovato una nuova occupazione. Le 350 ore di alta formazione sono state suddivise tra aula, in presenza e in modalità virtuale, a causa della pandemia, e laboratori. Questa seconda parte è stata svolta sulle due linee pilota del CIM, ossia Digital Factory e Additive Manufacturing Metallo e nei centri di eccellenza tecnologici delle imprese consorziate, messi a loro disposizione. I 24 che sono diventati manager della transizione digitale provengono principalmente dall’industria meccanica e dai servizi e sono stati accompagnati nelle 350 ore da 42 Technical Fellow, 28 Docenti Universitari, Tutor dedicati ai singoli partecipanti e 5 Mentor Aziendali. Il programma formativo intensivo si è concentrato sul linguaggio, sulla conoscenza tecnologica e sull’applicazione: le ore di laboratorio sono state finalizzate a realizzare 5 progetti d’innovazione, sperimentabili direttamente nelle aziende coinvolte e cioè Avio-Aero, Stellantis e Mista, una Pmi specializzata nella componentistica industriale.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti