società e cultura

Ecco quanto, quando e come si divertono gli italiani

Un'analisi empirica studia il rapporto tra italiani e divertimento. Si scopre così che ricaviamo grandi soddisfazioni dagli acquisti online, cibo e spettacoli compresi. Il giorno migliore per divertirsi è il martedì. Il nemico è il troppo lavoro

di Luciano Canova


default onloading pic
(Marka)

3' di lettura

Articolo tratto da Lavoce.info

Un questionario sul divertimento
Quanto si divertono gli italiani? O meglio: gli italiani si divertono? Oppure ancora: esattamente il divertimento come si definisce?

Proponiamo qui i risultati dell'elaborazione di un dataset composto da 3008 osservazioni, frutto delle risposte a un questionario su un panel Doxa (la ricerca è promossa da Phd Italia, agenzia media e di comunicazione di Omnicom Media Group) che aveva lo scopo di analizzare la dimensione del fun (divertimento) su un campione rappresentativo della popolazione italiana.

Come si divertono dunque gli italiani? Il questionario esplora cinque ambiti molto diversi: il divertimento nelle attività di svago, in quelle di produttività (tipicamente il lavoro), il divertimento rispetto al mangiare e alla mobilità e nell'uso di strumenti e piattaforme digitali.

GUARDA IL VIDEO / E-commerce, il food delivery consolida il primo posto

Il questionario contiene domande sul livello di divertimento nel giorno prima dell'intervista, con valori in una scala compresa tra 0 e 6, secondo la metodologia del Daily Reconstruction Method di Daniel Kahneman, in cui 0 rappresenta di fatto l'assenza dell'attività relativa e 6 il livello massimo di divertimento. Il questionario, inoltre, contiene una domanda sul livello di soddisfazione generale (life satisfaction), espresso in una scala tra 0 e 10.

LEGGI ANCHE / Nel segno del fantasy: le cinque serie tv da vedere in agosto

Abbiamo costruito un indicatore sintetico di divertimento, avvalendoci dell'analisi fattoriale.

Il fun index che ne deriva, dal valore più piccolo a quello più grande, rappresenta livelli crescenti di divertimento. In particolare, abbiamo individuato tre classi: 1- livello più basso di divertimento; 2- livello medio di divertimento; 3- livello più alto di divertimento.

I fattori che concorrono, tra gli altri, a influire maggiormente sul divertimento sono quelli legati all'intensità delle relazioni sociali.
A livello di cibo, è rilevante il peso del food delivery, in stretta associazione con quello – molto alto – di Netflix tra le variabili di accesso al consumo digitale. In generale, la piattaforma di video streaming, insieme a Spotify per la musica, la fa da padrone. Risulta interessante poi notare come, nel complesso, concorrano ad alti livelli di fun index variabili quali l'attività sessuale, l'happy hour e lo shopping online. Per quest'ultimo aspetto, c'è coerenza in ciascuna dimensione rispetto al ruolo del consumo digitale: pesano molto il food delivery per il cibo, il car sharing per il trasporto; lo shopping online rispetto agli acquisti in negozio e i supermercati digitali in contrapposizione a quelli fisici.

Abbiamo poi concentrato l'attenzione su due aspetti: la correlazione tra divertimento e soddisfazione generale e quella tra divertimento e lavoro.

Benessere soggettivo e fun index
L'associazione tra indicatore di soddisfazione generale e quello di divertimento è significativa all'1 per cento. Il coefficiente di correlazione è vicino a 0,6, che è un valore elevato, ma al tempo stesso suggerisce che parlare di benessere soggettivo è diverso dal parlare di divertimento. Le due dimensioni sono sì associate e si muovono nella stessa direzione, ma non catturano la stessa cosa.

Non sorprende che per il livello massimo di fun index anche la soddisfazione generale raggiunga livelli più elevati.

Abbiamo poi condotto un'analisi statistica cercando di spiegare cosa abbia un impatto maggiore sul fun index da un lato e sulla soddisfazione generale dall'altro, controllando per diversi fattori.

Il risultato più curioso riguarda il giorno della settimana: se per il fun index il giorno in cui aumenta di più la probabilità di divertirsi è il martedì, per il benessere soggettivo il giorno più felice è il giovedì.

Una possibile spiegazione riguarda proprio il fatto che il martedì sia, dopo il Blue Monday, il giorno in cui le persone cercano di “compensare”, divertendosi, l'effetto negativo dell'inizio di settimana, mentre sul giovedì ha un'influenza positiva l'aspettativa del weekend.

Lavoro e divertimento
Dal dataset emerge abbastanza chiaramente come le persone dichiarino una certa insoddisfazione sul lavoro, correlata a un basso livello di divertimento.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...