Controllo dati

Economia dello spazio, una partita italiana da 1,4 miliardi che si gioca anche a Frascati

di Davide Madeddu

3' di lettura

Da Frascati all’universo e ritorno. Ovvero, dallo spazio la strada per ricerca, crescita e sviluppo. In un ambito in cui l’economia dei grandi numeri si sposa con quella reale che mette assieme imprese e “turismo scientifico”. La sfida della “space economy” passa, con l’Esa, per il centro di osservazione Esrin di Frascati. Ogni anno varcano la soglia del centro 50mila persone. Qui, nel sito nato negli anni sessanta si gioca (sino al 2025) una delle partite economiche e scientifiche Ue più importanti che vale 1,4 miliardi di euro. Si tratta dell’importo complessivo messo a disposizione dell’Esa dall’Italia tramite il Pnrr.

Centro di eccellenza europeo

Nella struttura scientifica, centro di eccellenza europeo per lo sfruttamento delle missioni di osservazione della terra, a poca distanza dalla capitale, vengono gestite le operazioni di missione e carico utile dei satelliti di osservazione della Terra dell’Esa, ed Esrin (fonti primarie) e satelliti non Esa e quindi la distribuzione e lo sfruttamento dei dati. Il tutto tenendo in piedi il più grande archivio di dati ambientali in Europa e coordinando oltre 20 stazioni di terra e strutture del segmento di terra in Europa.

Loading...

L’archivio dati a Frascati

Perché una volta lanciato un satellite i dati si recuperano attraverso le stazioni al suolo e vengono poi archiviati a Frascati dove è presente il sistema di preservazione dei dati di osservazione della terra. Un centro che è l’interfaccia per coloro che hanno bisogno di studiare scenari legati a tematiche ambientali, qualità dell’aria, pianificazione urbana e gestione costiera.

Una sfida importante

Che lo per lo spazio passino nuove opportunità non ha dubbi Simonetta Cheli, direttrice dei Programmi di osservazione della terra dell’Esa e capo di Esa-Esrin, prima donna a ricoprire questo incarico, dopo una carriera di 30 anni in ambito spaziale. «L’attività di osservazione è fondamentale per ricerca, industria, comunicazioni, ma soprattutto per il benessere e la sicurezza delle persone e dell’intero pianeta - dice -. Esrin ha come missione quella di garantire il buon funzionamento dei 16 satelliti di osservazione della Terra dell’Esa, nell’ambito delle missioni Explorer e della famiglia Copernicus, assicurare la gestione di grandi volumi di dati anche a lungo termine e il pieno accesso di questi dati agli utenti». C’è poi la questione legata alla fase di sviluppo dei 39 satelliti in costruzione per cui dovranno essere rispettati tempi di realizzazione e lancio.

Tra dati e sviluppo locale

La cassaforte che custodisce i dati relativi all’osservazione della terra ha anche un peso economico importante non solo sullo scenario nazionale e internazionale ma anche locale. «Per quanto riguarda il ritorno economico - chiarisce la direttrice - si stima che il valore di Esrin tra il 2017 e il 2020 sia stato di 875 milioni di euro con un effetto moltiplicatore variabile tra i 7 e gli 11 euro per ogni euro investito». Senza dimenticare poi i 2,6 miliardi portati a casa nel 2019.

L’occasione targata Pnrr

Sino al 2025 c’è poi la prova più importante: quella legata alle risorse del Pnrr. Una partita da 1,4 miliardi. « La sfida più grossa e nuova», con tempi definiti giacché la «spesa deve essere fatta entro il 2025» e che prevede il coinvolgimento di «numerose aziende attraverso i bandi» spiega Cheli.

Numeri da fabbrica

In questo contesto, in cui il centro di Frascati diventa importante nell’ambito internazionale emerge anche il dato locale in cui viene coinvolta anche la piccola e media impresa. A far funzionare questo paesone che mette assieme dati e strumenti di alta precisione un esercito di 850 persone con alte professionalità e specializzazioni. «Non dobbiamo dimenticare l’integrazione con il territorio e con le aziende - argomenta ancora la direttrice - perché c’è anche un aspetto locale di dialogo e collaborazione con le altre istituzioni e centri di ricerca presenti nel territorio».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti