AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùOGGI L’ANNUNCIO

Effetto Bce, tassi sotto zero per un terzo dei bond emergenti in euro

Morgan Stanley ha calcolato che circa un terzo dei bond in euro emessi da Paesi emergenti per un controvalore di 115 miliardi di euro tratti oggi a rendimenti negativi. Un fatto senza precedenti

di Andrea Franceschi e Isabella Bufacchi

Bond governativi e corporate, ma anche azioni nel mirino del QE

3' di lettura

Oggi è il d-day della Bce che dovrebbe annunciare un rilancio del piano di stimoli monetari per far fronte al rallentamento della congiuntura. Il mercato da tempo ha iniziato a «prezzare» un taglio dei tassi o un rilancio del Quantitative easing. Forse eccessivamente secondo alcuni osservatori che hanno fatto notare come lo spazio di manovra di Draghi non sia poi così ampio e che diversi esponenti del board Bce siano contrari a nuovi stimoli.

Questo rinnovato scetticismo è uno dei principali motivi alla base della recente risalita dei tassi. Un movimento che tuttavia ha scalfito solo marginalmente l’entità del rally messo a segno dall’obbligazionario denominato in euro negli ultimi mesi. Un rally che ha interessato in primo luogo i titoli di Stato dei Paesi dell’Eurozona, che sono più direttamente interessati al possibile rilancio del piano di acquisti di titoli di Stato (Quantitative easing), ma è tutto il mercato dei bond denominati in euro ad essere interessato dall’ondata di acquisti.

LEGGI ANCHE / Bce, guida pratica: la cassetta degli attrezzi di Draghi, le prossime mosse

L’effetto più evidente dei questo rally è stato quello di portare in territorio negativo i rendimenti di una fetta sempre più consistente di titoli di Stato dell’Eurozona. Compresi quelli a lunga e lunghissima scadenza. Il fenomeno dei tassi negativi ha riguardato anche i bond ad alto rating (investment grade) acquistati anch’essi dalla Bce nell’ambito del Qe e oggi i corporate bond denominati in euro trattano mediamente a tassi negativi fino ai tre anni di scadenza stando alle rilevazioni di S&P Market Intelligence. Ma c’è anche un’altra categoria meno nota di bond che oggi è interessata dal fenomeno dei tassi sotto zero: quella dei titoli denominati in euro emessi da governi, banche e società non finanziarie dei Paesi emergenti.

LEGGI ANCHE: Tassi d'interesse negativi sui conti correnti: pro e contro dopo la mossa della Bce

Morgan Stanley ha calcolato che circa un terzo dei bond in euro emessi da Paesi emergenti per un controvalore di 115 miliardi di euro tratti oggi a rendimenti negativi. Un fatto senza precedenti.

IL RALLY DEI BOND EMERGENTI

Performance da inizio anno dell'indice Pimco Global Advantage Em Bond e dell'indice azionario Msci Em. Dati in percentuale (Fonte: S&P Market Intelligence)

Il grosso di questi titoli risulta emesso da Paesi dell’Europa centro-orientale che fanno parte dell’Unione europea ma non hanno aderito all’euro e che formalmente vengono considerati Paesi emergenti anche se possono vantare un merito di credito di tutto rispetto. Il caso tipico è quello della Polonia (rating A) che ha fatto diverse emissioni in euro che oggi sui mercati secondari quotano a rendimenti negativi. Anche su scadenze medio-lunghe come nel caso di un titolo emesso a gennaio 2010 per un controvalore di 3 miliardi di euro che scade nel 2015 che rende -0,29 per cento.

Perché le Borse corrono se l’economia rallenta

Oltre ai Paesi dell’Europa dell’Est nell’elenco di chi ha emesso titoli che oggi trattano a tassi sotto zero ci sono diverse istituzioni sovranazionali come l’Asian Development Bank o l’African Development Bank . Molto attive poi sono le banche commerciali australiane che in questi anni hanno fatto diverse operazioni di rifinanziamento in euro emettendo titoli a tassi negativi. Anche in questo caso si tratta di emittenti che hanno un rating relativamente alto. Non mancano tuttavia i casi di titoli collocati da emittenti con rating spazzatura (Sotto la soglia della tripla B) come nel caso della Digi Communications, società di telecomunicazioni con base in Romania, o la banca polacca PKO Bank Hipoteczny.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Isabella Bufacchivicecaporedattore corrispondente dalla Germania

    Luogo: Francoforte, Germania

    Lingue parlate: inglese, francese, tedesco, spagnolo

    Argomenti: mercato dei capitali, ECB watcher, fixed income e debito, strumenti derivati, Germania

    Premi: Premio Ischia Internazionale di Giornalismo per l’analisi economica, Premio Q8 per giovani giornalisti economici

  • default onloading pic

    Andrea Franceschiredattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Mercati, finanza, bond, azioni. obbligazioni, titoli di stato, banche, borsa, politica monetaria, Bce, Fed, tassi

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...