ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùProfessionisti

Effetto Covid sugli esami di abilitazione: nel 2020 boom di candidati e promossi

Con l’eliminazione delle prove scritte in presenza accessi alle professioni in crescita: i numeri di avvocati, commercialisti e professioni tecniche

di Antonello Cherchi e Valeria Uva

3' di lettura

Gli esami di Stato a distanza, a cui si è stati obbligati dalla pandemia, hanno fatto registrare un significativo aumento degli abilitati. Secondo i dati (gli ultimi disponibili) del ministero dell’Università i “promossi” alle sessioni del 2020, le prime da remoto, sono stati oltre il 54% in più rispetto all’anno precedente. Da un totale di più di 30mila abilitati si è arrivati a sfiorare quota 47mila.

La crescita degli abilitati riguarda tutte le professioni, con i soli veterinari che nel 2020 fanno registrare il segno meno. Anche i risultati degli esami di avvocati e consulenti del lavoro - i primi vigilati dal ministero della Giustizia, mentre i secondi svolgono gli esami di abilitazione presso gli ispettorati del lavoro - confermano questo quadro.

Loading...

È presto per individuare con certezza i motivi del boom. Potrebbero concorrere diversi fattori che per ora si possono presumere: dalla maggiore semplicità delle prove all’indulgenza delle commissioni. Ma una cosa è certa: il forte aumento anche dei candidati. Indotti da una presunta facilità dell’esame o almeno dall’assenza dello scoglio degli scritti, molti più giovani hanno deciso di tentare la carta che permette l’accesso all’Albo. Lo dice con chiarezza per ingegneri e architetti il Rapporto del centro studi del Consiglio nazionale ingegneri sull’accesso alla professione nel 2020. Ma è una tendenza che si intravvede anche altrove.

LA CRESCITA DEGLI IDONEI

Abilitati all'esame di Stato nel 2019, 2020 e variazione %

Loading...

Architetti e ingegneri

Aspiranti architetti quasi raddoppiati: dai 5.941, record negativo del 2019, agli oltre 10mila del 2020. A raddoppiare è pure il numero degli abilitati all’esame di ingegnere e ingegnere junior: dagli 8.512 del 2019 ai 16.146 del 2020 (sommando le varie specializzazioni). Anche se il risultato - sottolinea il rapporto - sembra un effetto “psicologico” più che reale, legato alla convinzione di prove più abbordabili, che ha moltiplicato il numero di candidati. Per gli ingegneri, infatti, il tasso di successo nel 2020 non è cresciuto di molto: 91,3% contro l’87,9 del 2019. L’aumento degli idonei riguarda soprattutto gli ingegneri industriali e informatici, che in passato hanno disertato l’esame di Stato, e comunque «corrisponde solo in parte a un incremento delle iscrizioni all’Ordine. Degli oltre 14mila abilitati alla professione di ingegnere del 2020, solo 5mila circa risultano iscritti all’Albo a fine 2021».

Gli avvocati

Non ci sono ancora dati strutturati, anche perché nel 2020 la sessione d’esame è saltata e quella del 2021 è appena terminata. L’impressione è, però, che questi esami di Stato siano stati più favorevoli. «La media degli abilitati - spiega Carlo Rossa, avvocato e presidente della prima sottocommissione nel distretto di Torino - è stata più alta (41,3%) rispetto al 2019 (39,4%) e comunque alla media delle sessioni scorse (37%). D’altra parte, il solo esame orale consente una valutazione più positiva rispetto allo scritto». Così è stato anche nel distretto di Salerno. «Su più di 800 candidati - sottolinea l’avvocato Michele Sarno, presidente della prima sottocommissione - il 60% ha ottenuto l’abilitazione. Una percentuale più elevata rispetto al passato».

I consulenti del lavoro

Quella del 2020 sembra essere stata una vera e propria corsa all’abilitazione, con un forte incremento dei candidati prima ancora che degli abilitati. Tendenza che - stando ai primi dati raccolti presso alcuni Ordini - non è stata confermata nel 2021. Per esempio, in Piemonte dai 102 candidati del 2019 si è saliti a 124 l’anno dopo per poi riscendere a 80 nel 2021. In Campania fiammata del 2020 : da 140 a 203 candidati (+45%) ora a quota 168. Riguardo agli abilitati, non si possono ancora trarre indicazioni univoche. In Campania, ad esempio, i promossi alla prova semplificata sono addirittura diminuiti al 67%, contro il 72% del 2019; così anche in Friuli Venezia Giulia (-9% gli idonei 2020 sul 2019). In Piemonte, al contrario, è passato il 41% dei candidati, contro il 28% dell'epoca pre-Covid.

Il futuro

I numeri del 2020 stanno cominciando a far valutare la possibilità di rendere più stabili eventuali semplificazioni, che possono funzionare anche da barriera alla fuga dalle professioni. Gli ingegneri invitano a riflettere sulla laurea abilitante per il percorso magistrale, che avrebbe, secondo il centro studi, «una rilevanza strategica» soprattutto per avvicinare all’Albo gli ingegneri industriali e dell’informazione».

Il vicepresidente del Consiglio nazionale, Francesco Duraccio, annuncia che i risultati 2020 sono «oggetto di attenzione da parte del Consiglio nazionale e di approfondimenti con il ministero del Lavoro e l’Ispettorato nazionale del lavoro. Anche perché il nuovo esame non pregiudica la verifica della preparazione del candidato».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti