ricadute pesanti

Cina, il coronavirus minaccia anche l’economia: 1,2 punti di Pil a rischio

A risentire dell’emergenza saranno sopraTtutto il turismo e i consumi. Gravi conseguenze per Wuhan, hub tecnologico da 11 milioni di abitanti

di Stefano Carrer

Coronavirus, ospedale di Wuhan in tilt

A risentire dell’emergenza saranno sopraTtutto il turismo e i consumi. Gravi conseguenze per Wuhan, hub tecnologico da 11 milioni di abitanti


3' di lettura

Per Kristalina Georgieva, direttrice del Fondo Monetario internazionale, è ancora presto per valutare l’impatto sul’economia cinese e globale della diffusione del nuovo coronavirus emerso a Wuhan: l’Fmi lo considera uno dei non pochi rischi downside (orientati al ribasso) a uno scenario di crescita globale confermato al 3,3% per quest’anno. Ma l’impatto sull’economia cinese e sui mercati finanziari anche internazionali sta rapidamente esplodendo, in parallelo all’estensione delle restrizioni al trasporto pubblico e alle persone.

Non è un caso che non fosse mai accaduto che l’ultima sessione della Borsa di Shanghai prima del Capodanno lunare finisse con un cedimento del 2,8% (il peggiore da otto mesi) e che i titoli delle compagnie aeree (non solo asiatiche) e di altre società legate al settore viaggi e consumi abbiano registrato un fine settimana nero.

Prospettive macroeconomiche
A simboleggiare una situazione già di crisi è la chiusura del Disney Resort di Shanghai, parco di divertimenti che accoglie ogni anno quasi 12 milioni visitatori, mentre le autorità di Macao hanno ventilato una prossima chiusura di alcuni casinò (i cui operatori sono stati tra i più penalizzati dagli investitori).

Numerosi broker stanno rivedendo al ribasso le loro valutazioni sugli investimenti nelle società (dal turismo ai consumi) che rischiano di registrare il maggiore impatto negativo, mentre compaiono i primi allarmi anche sulle prospettive macroeconomiche. Secondo gli analisti della National Australia Bank, il Pil cinese dovrebbe perdere un punto percentuale già nel primo trimestre. Shaun Roache, capo economista di Standard & Poor’s per l’Asia-Pacifico, ipotizza una contrazione del Pil del’1,2% se le spese dei cinesi per trasporti e divertimenti in luoghi pubblici dovessero scendere del 10%, visto che i consumi rappresentano infatti un propulsore sempre più importante per una economia in transizione : «I settori esposti ai consumi, specialmente quelli fuori casa, ne risentiranno maggiormente, mentre il rafforzamento dell’avversione al rischio e più severe condizioni finanziarie potrebbero amplificare l’impatto dell’epidemia, eventualmente estendendosi agli investimenti».

Il comparto delle assicurazioni
Di sicuro conseguenze molto gravi le subirà l’economia di Wuhan: una città di 11 milioni di abitanti al centro di un’area che cresce più della media nazionale (+7,8% l’anno corso dopo +8% nel 2018), grazie a forti investimenti per un upgrading del sistema produttivo locale in direzione di nuove tecnologie e al di là dell’industria pesante. Wuhan rappresenta un campanello di allarme anche per il settore delle assicurazioni. «Ci accorgiamo all’improvviso di situazioni di emergenza e poi ce ne dimentichiamo», ha sospirato al Forum di Davos il ceo del colosso delle assicurazioni Axa, Thomas Buberl, secondo cui in realtà l’emergere di misteriosi focolai infettivi potrebbe diventare una «nuova normalità» forse anche a causa dei cambiamenti climatici: «Dovremo studiarne meglio l’impatto sulla salute». Proprio per svalutare il problema ambientale, invece, il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin, in un panel a Davos, ha dichiarato che, rispetto a cambiamenti climatici ancora non misurabili, il caso Wuhan o il caso Iran appaiono più importanti.

La messa a punto del vaccino
Nella cittadina svizzera il ceo della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, Richard Hatchett, ha annunciato tre partnership - con due aziende americane, Inovio Pharmaceuticals e Moderna, e con l’Università del Queensland - per sviluppare vaccini contro il misterioso coronavirus secondo tre percorsi differenti: «Contiamo di iniziare i test clinici il prima possibile, magari in estate, entro 16 settimane». Altre società biotecnologiche stanno cercando di sviluppare un vaccino (ad esempio, Novavax): tutte stanno registrando forti rialzi in Borsa, anche se le probabilità di successo restano aleatorie.

Soffrono i big del lusso
Di segno opposto la performance di Borsa dei big del lusso. Un esempio è quello di Lvmh, il gigante guidato da Bernard Arnault, con capitalizzazione di 210,4 miliardi di euro e marchi del calibro di Dior, Bulgari, Fendi, Tiffany e ovviamente Vuitton, che ha subito l'impatto della notizia da subito, a inizio gennaio, per passare a un deciso calo dal 20 del mese. Con il susseguirsi delle notizie sull'espandersi del virus, il prezzo ha perso oltre il 5% per chiudere il 24 gennaio a 416,3 euro.
Meglio non è andata ad altri grandi marchi come Kering a Parigi, Ferragamo a Milano e Capri Holding a New York, mentre hanno reagito in modo più composto Prada a Hong Kong e in Germania e Tiffany a New York.

Per approfondire:
L'epidemia polmonare in Cina rischia di essere una «nuova» Sars?
Focolai, epidemie o pandemie? Cosa sta accadendo in Cina e nel mondo

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti