coronavirus

Efficacia, costo, tempi di distribuzione: che cosa sappiamo del vaccino Oxford-AstraZeneca

I migliori risultati sono stati ottenuti inoculando ai volontari una mezza dose di vaccino, prima di utilizzare una dose completa un mese dopo

default onloading pic
Un laboratorio dell’Università di Oxford che lavora al vaccino anti-Covid (Epa)

I migliori risultati sono stati ottenuti inoculando ai volontari una mezza dose di vaccino, prima di utilizzare una dose completa un mese dopo


3' di lettura

Dopo Pfizer-BioNTech e Moderna negli Usa, vede il traguardo anche il primo vaccino europeo. La multinazionale britannica AstraZeneca ha infatti annunciato che il suo vaccino per il nuovo coronavirus, sviluppato insieme all'Università di Oxford, ha mostrato un'efficacia media del 70% nella protezione contro il virus in due segmenti di studio. Alti livelli di rispondenza, ha detto, sono giunti dalle analisi in Gran Bretagna e Brasile e non ci sono stati casi di malattie importanti o ospedalizzazione nei partecipanti al test che hanno ricevuto il vaccino.

Efficacia fino al 90%

Più in dettaglio, i risultati del vaccino Covid-19 sviluppato dall'Università di Oxford e AstraZeneca con l'Irbm di Pomezia, combinano i dati di due diversi dosaggi: un regime, somministrato a circa 2.700 persone, ha mostrato un'efficacia del 90%, mentre un altro, somministrato a quasi 9.000 persone con due dosi piene a distanza di un mese, ha mostrato un'efficacia del 62 per cento. I migliori risultati sono stati ottenuti inoculando ai volontari una mezza dose dose di vaccino, prima di utilizzare una dose completa un mese dopo. Sarà quest’ultimo il vaccino che verrà commercializzato al pubblico.Si è evidenziata la massima tolleranza per gli anziani.

Loading...

Gli altri vaccini

I risultati si confrontano con i dati di Moderna, che ha affermato che il suo vaccino ha impedito al 94,5% dei partecipanti allo studio di ammalarsi, secondo i primi dati. Pfizer, che sta lavorando con il partner tedesco BioNTech, ha detto che il suo vaccino ha prevenuto il 95% delle infezioni sintomatiche. Astrazeneca ha precisato che non ci sono stati eventi avversi gravi per la salute e il vaccino è stato ben tollerato in entrambi i gruppi di dosaggio. Non ci sono stati casi gravi di Covid-19 nello studio e nessun partecipante è stato ricoverato in ospedale.

Più economico dei vaccini Pfizer e Moderna

Nonostante la minore efficacia, il vaccino britannico presenta alcuni vantaggi in termini di distribuzione. Il vaccino Astra-Oxford può essere mantenuto alla temperatura del frigorifero per almeno 6 mesi, il che renderebbe più facile il trasporto e lo stoccaggio a livello globale, in particolare nei paesi a reddito medio e basso. Il vaccino di Pfizer viceversa deve essere trasportato e conservato a -70 gradi mentre quello di Moderna può stare alla temperatura del frigorifero per un massimo di 30 giorni. E avrà anche un costo potenzialmente inferiore, cioè 2,80 euro per dose contro i 19,50 dollari del vaccino Pfizer e i 25 del vaccino Moderna.

Disponibili 200 milioni di dosi entro fine 2020

Entro la fine del 2020 saranno disponibili a livello mondiale circa 200 milioni di dosi del candidato vaccino sviluppato dall'università di Oxford, circa il quadruplo rispetto a quello di Pfizer. La produzione raggiungerà 700 milioni di dosi già entro il prossimo marzo e 3 miliardi prima della fine del 2021. Lo ha detto nel corso d'una video-conferenza Pam Cheng, vicepresidente del colosso farmaceutico AstraZeneca, partner dell'ateneo britannico assieme all'Irbm di Pomezia, spiegando, con il ceo Pascal Soriot che, attraverso una rete di 20 centri di produzione sparsi nel mondo, sarà possibile sfornare nel 2021 da 100 a 200 milioni di dosi al mese per il mercato internazionale. Il Regno Unito ha già prenotato 20 milioni di dosi del prototipo di Oxford per fine anno, e altre 70 milioni entro la primavera.

Troppo presto per valutare durata immunità

Quanto alla durata dell'immunità anti Covid indotta dal candidato vaccino in questione, il professor Pollard, coordinatore dei test, è stato per altro verso prudente: “Temo sia troppo presto per dire qualunque cosa al riguardo. Noi abbiamo iniziato il secondo dosaggio sui volontari nel Regno Unito solo in agosto, ciò significa che non è passato abbastanza tempo per dirci se, a un anno di distanza, le persone risulteranno ancora protette e immunizzate dal coronavirus come all'inizio” .

Ema: possibile chiusura valutazione vaccini entro fine anno

“È difficile attualmente anticipare con precisione il dettaglio per l'autorizzazione dei vaccini, perché non abbiamo ancora tutti i dati e le analisi sono in corso. In funzione dei progressi della valutazione l'Agenzia europea del farmaco potrebbe essere in grado di concludere la valutazione dei vaccini candidati più avanzati verso fine anno o all'inizio dell'anno prossimo”. Lo indica l'Ema secondo quanto riportato dall'Afp. La settimana scorsa la presidente della Commissione von der Leyen aveva indicato che l'Ema poterebbe approvare i vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna entro la seconda metà di dicembre. L'Ema sta analizzando anche il vaccino Oxford/AstraZeneca.

La Gran Bretagna conta di vaccinare quasi tutti entro Pasqua

“Il grosso del programma vaccinale sarà a gennaio, febbraio, marzo. E speriamo che dopo Pasqua le cose possano cominciare a tornare alla normalità”, ha detto Matt Hancock, ministro della salute della Gran Bretagna, che ha pre-ordinato 100 milioni di dosi per i suoi 67 milioni di abitanti. L’Italia nel giugno scorso ha firmato con AstraZeneca e altri Paesi europei un contratto per la fornitura di 400 milioni di dosi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti