ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCentro studi enti locali

Elezioni, si vota ancora nelle aule: nove seggi su dieci nelle scuole

L'articolo 23-bis del decreto Sostegni (dl 41/2021) ha stanziato 2 milioni di euro, da tradurre in contributi destinati ai Comuni che avrebbero dovuto individuare, entro il 15 luglio 2021, delle sedi extrascolastiche da destinare al funzionamento dei seggi elettorali

Elezioni 25 settembre, ecco come si vota: guida per non sbagliare

2' di lettura

L’88% dei 61.562 seggi elettorali dislocati nella penisola si trova all'interno di edifici scolastici. E sono edifici destinati alla didattica il 75% circa dei fabbricati che ospitano uno o più seggi. A evidenziarlo è un dossier per Adnkronos di Centro Studi Enti Locali (Csel), basato sui dati, aggiornati al 2021, del ministero dell’Interno.

Due milioni di contributi per trovare sedi extrascolastiche

Per provare a invertire questa tendenza e spingere i Comuni a trasferire i propri seggi elettorali in sedi alternative alle scuole (come i palazzetti dello sport per esempio), l’anno scorso il governo ha tentato la carta dei finanziamenti mirati. L’articolo 23-bis del decreto Sostegni (dl 41/2021) ha stanziato 2 milioni di euro, da tradurre in contributi destinati ai Comuni che avrebbero individuato, entro il 15 luglio 2021, delle sedi extrascolastiche da destinare al funzionamento dei seggi elettorali in occasione delle amministrative 2021.

Loading...

Solo l’1% delle amministrazioni locali ha aderito

Come emerge dal dossier Csel, questa misura non ha conosciuto grande fortuna sul territorio nazionale. Sono state soltanto 117 le amministrazioni locali italiane che hanno colto questa occasione, poco più dell’1% cento del totale. La regione nella quale si è registrato il numero più alto di Comuni che si sono impegnati in questo senso è la Calabria, con 25 Comuni beneficiari dei contributi. Seguono il Veneto con 21, la Lombardia e il Piemonte con 13, l’Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia con 9 e il Lazio con 7 enti. A pari merito anche Campania e Toscana, con 5 Comuni ciascuna, seguite da Marche (3), Umbria e Abruzzo (2) e Liguria, Puglia e Basilicata, tutte ferme a quota uno.

Trasferiti comunque 510 seggi

Questo ristretto numero di adesioni ha comunque prodotto - rimarca Csel - il trasferimento di 510 seggi, garantendo la continuità della presenza in aula per oltre 30.000 studenti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti