L’Europa dopo il voto

il voto degli italiani nei paesi ue

Europee, l’altra Italia che vive all’estero: Pd oltre il 32%, Lega al 18%

di Carlo Andrea Finotto


L’estate calda dell’Europa dal voto alle nomine: le date da ricordare

3' di lettura

C’è un’Italia che al voto europeo ha attribuito un inequivocabile successo alla Lega del vicepremier Matteo Salvini , con oltre il 34% delle preferenze, il Pd secondo partito staccato di circa 12 punti, il Movimento 5 Stelle sotto il 20%, i Verdi incapaci di raggiungere la soglia di sbarramento. E poi c’è l’Italia degli italiani residenti all’estero , numericamente molto inferiore rispetto alla prima, ma il cui orientamento politico è decisamente diverso. I dati del Viminale definitivi vedono il Pd di gran lunga primo partito, al 32,44%, mentre la Lega è al 18%.

DOSSIER / Elezioni europee 2019

Quando a essere vidimate sono tutte le 2.355 comunicazioni provenienti dagli altri Paesi Ue con il voto di oltre 119mila italiani residenti negli altri Paesi Ue, il Movimento 5 Stelle si ferma sotto il 14%. Europa Verde, il partito che vede schierato l’ex Pd ed ex Possibile Giuseppe Civati, che in Italia non ha raggiunto il 3%, in questo caso sfiora il 10. Più Europa, che non è riuscita a superare la soglia di sbarramento del 4% nei risultati nazionali, in questo caso si attesta vicina al 9%. Forza Italia risulta appena al 5,92%, La Sinistra al 4%, Fratelli d’Italia non va oltre il 2,51%. Le altre liste risultano residuali rispetto agli oltre 102mila voti scrutinati.

Il Partito democratico sbanca nel Nord Europa
A livello di singoli Paesi il Pd sbanca in Svezia, dove raggiunge il 45,29%, davanti a Più Europa (13,22), M5S (12,14%), Europa Verde e Lega (pari merito all’8,15%). Nei Paesi Bassi e in Danimarca il Pd sfiora il 44%, mentre la Lega è rispettivamente al 7,93% e al 6,63% (superata in entrambi i casi da Più Europa, M5S e Europa Verde). Anche in Finlandia il Pd raccoglia suffragi nell’ordine del 40%. In Germania la forbice tra Pd e Lega si restringe: 28% a 22% circa. Nella vicina Francia, dove il partito di Marine Le Pen ha scavalcato di misura lo schieramento del presidente Emmanuel Macron, il Pd risulta votato dal 33% degli italiani residenti, contro il 19% della Lega, il 10,9% di Europa Verde, il 10,5% del M5S. Nel Belgio della capitale europea Bruxelles, gli italiani hanno votato per il 34,52% il Pd e per il 20,59% la Lega di Salvini. Nel vicino Lussemburgo, patria del presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Junker, il voto ha premiato il Pd (38,79%), mentre alla Lega è andato il 17,34% dei suffragi. In Spagna il Partito democratico sfiora il 32%, rispetto al 13,03% del Movimento 5 Stelle e al 12,6% della Lega. Lega che, invece, risale oltre il 23% in Portogallo a fronte del 31,4% del Pd.

PER SAPERNE DI PIU’ / La mappa del voto in Italia: circoscrizioni, regioni, province e comuni

Pd più votato dagli italiani in Austria e Polonia
Nell’Austria di Kurz, il Pd supera il 26%, Europa Verde va oltre il 21%, la Lega si ferma intorno al 10%. Pd avanti anche in Repubblica Ceca, Slovacchia, Grecia, nella conservatrice Polonia. Le Repubbliche baltiche si dividono: la Lega prevale in Lettonia (36%), mentre il Pd è appena al 10,9%, dietro a M5S (23% circa) e Fratelli d’Italia (oltre l’11%). I rapporti si invertono, invece, in Estonia e in Lituania, con il Pd rispettivamente al 28 e al 40%.

GUARDA IL VIDEO / L'estate calda dell'Europa dal voto alle nomine: le date da ricordare

Nei Balcani prevale la Lega
La musica cambia nuovamente nei Balcani e in Ungheria. La Lega prevale con percentuali “italiane”, in Croazia (29,3%) – mentre è un testa a testa con prevalenza del Carroccio in Slovenia (nell’ordine del 25%) – e soprattutto nell’Ungheria dell’“amico” Orban (32%), in Romania (31%) e Bulgaria, dove il partito di Salvini sfiora il 33%. Soglia, questa, superata a Cipro, davanti al Pd con il 27% circa e al M5S appena sotto al 10%.

A Malta, invece, il partito più votato dagli italiani all’estero è il Movimento 5 Stelle, con il 26% dei voti, davanti al Pd vicino al 21% e alla Lega che sfiora il 20.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti