patrimoni reali

Elisabetta II, regina dei record: la donna più ricca del mondo

di Simone Filippetti

Brexit: Elisabetta 'in campo', appello al compromesso


4' di lettura

LONDRA - Quando stamattina una folla oceanica di corridori, di tutte le età e di tutti i tipi, sfileranno sotto le finestre di Buckingham Palace per la m aratona di Londra, una delle più importanti al mondo assieme a New York, è probabile che dalle finestre la Regina Elisabetta si affacci per sbirciare quella infinita onda di persone che le scorre sotto casa e va ad aggiungersi alle centinaia di turisti che ogni giorno alle 11 si assiepano davanti all'austera facciata del palazzo disegnato da Edward Blore per assistere al celebre cambio della guardia.


La Regina Elisabetta batte tutti i record
Non che la cosa la impressionerà più di tanto. Sua maestà, domenica scorsa di Pasqua (il 21 aprile, che per gli amanti delle date è anche il Natale di Roma), ha festeggiato i 93 anni e sta battendo ogni record. Siede ininterrottamente sul torno dal 1952, quando suo padre Giorgio VI morì improvvisamente e lei si trovava in un viaggio diplomatico: regna da 67 anni, un tempo lunghissimo, dal Dopoguerra fino all'era dei Social Media. Mai nessun sovrano ha regnato a lungo in tutta la storia della millenaria monarchia britannica, iniziata nel lontano 1006 dal re normammo Gugliemo il Normanno. Elisabetta ha battuto pure la storica Regina Vittoria, che di fatto regnò per tutto l'800 (dal 1837 al 1901), che per secoli ha detenuto il primato della casa reale inglese.


Anche i Re prendono lo stipendio
In quasi sette decenni a Buckingham Palace, Elisabetta II ha accumulato una ricchezza sterminata che di fatto la incoronano la donna più ricca al mondo. A dare retta alle classifiche semi ufficiali la Regina è paradossalmente “povera”, per quanto lo possa essere un sovrano: nel 2018, secondo un'analisi condotta dal Times di Londra, la bisnonna di casa Windsor si piazzava solo al 344esimo posto nella graduatoria degli inglesi più ricchi con un patrimonio stimato di 520 milioni di dollari.
Ma questo è solo il reddito personale della Regina. Può suonare strano, ma Sua Maestà riceve un salario, prende uno stipendio come un normale dipendente. Il Parlamento le paga un salario per il suo “lavoro” da Regina: Westminster che stabilisce l'ammontare e l'anno scorso la busta paga è stata di 98 milioni di dollari (è stata aumentato dal 2017 perché la sovrana potesse pagare i lavori di restauro della residenza reale). In realtà, il patrimonio della Regina, quello personale e quello che le è attribuito come monarca, è enorme e molto più ingente. A Elisabetta sono intestate proprietà personali: il famoso Castello di Balmoral, in Scozia, la residenza estiva dei sovrani, valutato 140 milioni di dollari. E poi la tenuta di campagna, da 65 milioni, di Sandringham, dove la Regina passa il Natale, salita alla ribalta del gossip reale l'anno scorso perchè il principe Harry e la neo-sposa Meghan scelsero un'altra località mandando a monte la tradizione degli Windsor. Ma queste due proprietà sono briciole rispetto al “tesoro” della Corona.

Un patrimonio sterminato
La Regina è la depositaria, a vita, del Crown Estate, l'immenso patrimonio immobiliare della Corona, stimato in 14 miliardi di dollari. Ne fanno parte decine di lussuosi palazzi sparsi per tutta Londra e in più terreni sparsi per tutto il regno: si contano 260mila acri, una stratosferica estensione di 100mila ettari, tra tenute agricole e campi coltivati. Tutte queste proprietà portano nelle tasche della Regina ogni anno circa 400 milioni di dollari di affitti e rendite. Nel suo ruolo di sovrana dei cittadini inglesi, a Elisabetta spettano anche i gioielli della Corona, custoditi nella Jewel House dentro la Tower of London, il castello del re Guglielmo del 1066, e che valgono da soli 4 miliardi di dollari. In totale, secondo stime ovviamente ufficiose, il patrimonio complessivo degli Windsor ammonta a 88 miliardi di dollari: un tesoro immenso che cozza con lo stile di vita frugale attribuito Sua Maestà. Pare che da 50 anni usi uno smalto per le unghie da 7,99 sterline che si compra al supermercato; e che per scaldare la sua camera da letto usi una stufetta elettrica da 30 sterline. Dicono che l'aver vissuto la Seconda Guerra e i bombardamenti di Londra le abbia instillato una parsimonia e abitudine al risparmio; le malelingue le attribuiscono un'indole più genovese, o meglio scozzese: pare sia tirchia.

Febbre da Cavallo
Quale che sia il carattere di Elisabetta, accanto alla “Roba” accumulata da far impallidire il Mazzarò di Giovanni Verga, la Regina ha anche accumulato una fortuna con le scommesse: la sovrana ha una passione smodata per i cavalli. Passione che ufficialmente si manifesta ad Ascot, la gara ippica reale, dove sfoggia quelle mise pastello che tutto il mondo ammira. Ma oltre al lato istituzionale c'è quello più plebeo: è una accanita giocatrice. Ha vinto 450 puntate nella sua vita per un totale di 9 milioni di sterline. In tutto questo ben di Dio, che in Inghilterra è il primo fan della corona secondo un nota espressione locale, la Regina ha dovuto fare di recente un piccolo sacrificio. Dai primi di aprile, il mese del suo compleanno, ha rinunciato alla patente di guida. Alla tenera età di 92 ani Elisabetta ama guidare le sue Range Rover in campagna, ma ora ha deciso di rinunciare per limiti di età, e dopo lo spiacevole incidente d'auto accaduto al principe consorte Filippo a inizio anno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...