Trasporto aerero

Emirates, nel 2016 crollo degli utili del 70%

di Mara Monti


default onloading pic
(REUTERS)

2' di lettura

Tempi duri per le compagnie aeree del Golfo. Dopo anni di crescita dei profitti a due cifre Emirates il vettore di Dubai, ha annunciato un crollo degli utili del 70% nel 2016, una frenata così forte non succedeva da almeno cinque anni. A fronte di un calo dei profitti, il fatturato è salito del 2 per cento. Il calo del prezzo del petrolio e gli effetti negativi sulle economie dei paesi del Golfo oltre ai timori di attacchi terrorstici in Europa e in Turchia , sono tra i motivi attribuiti ai risultati deludenti. «Ci aspettiamo un anno di grandi sfide, la competizione tra le compagnie aeree avrà un impatto sui rendimenti e la volatilità di molti mercati condizionerà la domanda», ha commentato il chairman di Emirates, Sheikh Ahmed bin Saeed Al Maktoum in un comunicato.

Mentre il calo del prezzo del petrolio è visto positivamente dalla maggior parte delle compagnie aeree, per Emirates rappresenta un problema
perché riduce la domanda di biglietti business nella
regione del Golfo, centro nevralgico mondiale del settore energetico. A pesare sul trasporto aereo sono state anche le recenti limitazioni introdotte dall’amministrazione Trump per i collegamenti dal Medio Oriente e il divieto di trasportare a bordo laptop e cellulari anche sui voli dagli Usa verso l’Europa costringendo il vettore a cancellare numerosi collegamenti verso gli States come quelli verso Boston, Los Angeles e Seattle e a dirottare gli aerei su queste destinazioni come la Malesia, l’Africa e l’Estremo Oriente. Sui risultati ha avuto un impatto negativo anche il dollaro che si è rafforzato contro il Dirham. Di fronte a questa difficile situazione, il vettore ha fatto sapere di non distribuire dividenti al suo azionista, Investment Corporation of Dubai.

Emirates ha trasportato nell’ultimo anno 56,1 milioni di passeggeri in crescita dell’8% con un load factor del 75,1% in calo dell’1,4% e una offerta di posti in crescita del 10 per cento. Anche per questi motivi Emirates ha chiesto ad Airbus di posticipare la consegna di 12 Airbus A380 superjumbo: soltanto nel 2016 Emirates ha ritirato una ventina di A380 parte di un ordine di 50 velivoli.

Segnali di debolezza del settore sono evidenziati anche nell’ultimo financial monitor della Iata (Internationa air transport association) secondo il quale i risultati finanziari del primo trimestre dei vettori mostrano una riduzioni degli utili dovuta soprattutto all’aumento dei costi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...