PRESIDENZIALI FRANCESI

Emmanuel Macron in testa con il 65,9% dei voti

di Marco Moussanet

default onloading pic
Foto Reuters


3' di lettura

Dal nostro corrispondente - Secondo i primi exit poll Emmanuel Macron sarebbe in testa con il 65,9% dei voti alle elezioni presidenziali francesi. Certo, si tratta di dati da prendere con molta cautela, tanto più che in Francia si sta ancora votando (i seggi chiuderanno alle sette, e alle otto nei grandi centri urbani, con una partecipazione alle 17 del 65,3%, in calo di quattro punti rispetto al primo turno e in ancor più netta flessione rispetto al 2007 e al 2012). Ma dovrebbe essere lui, in linea peraltro con tutti i sondaggi, il prossimo presidente della Repubblica francese.

L'AFFLUENZA ALLE PRESIDENZIALI FRANCESI

In % degli aventi diritto (Fonte: Ministero dell'Interno. 74,5 stima)

Loading...

Macron era il vero outsider, il volto nuovo, la vera sorpresa di questa campagna elettorale. Una sorta di oggetto politico non identificato. Con i suoi 39 anni (nove in meno rispetto a Valéry Giscard d'Estaing quando venne eletto, nel 1974), è il più giovane presidente di sempre ed è un classico rappresentante dell'élite repubblicana.

Laureato dell'Ena (la prestigiosa scuola pubblica di amministrazione), è stato per i primi anni ispettore delle finanze (periodo durante il quale ha fatto il co-relatore della commissione Attali sulla liberalizzazione dell'economia) ed è poi passato al settore privato, nel 2008, come banchiere d'affari presso Rothschild. Dove si è occupato in particolare dell'operazione Nestlé-Pfizer. Nato ad Amiens e sposato (dal 2007) con la sua ex insegnante di francese Brigitte Trogneux (più anziana di lui di 24 anni), nel 2012 è diventato segretario generale aggiunto dell'Eliseo, come consigliere economico di François Hollande. E nel 2014 ministro dell'Economia in occasione della svolta riformista con il Governo Valls.

Dopo aver fondato, poco più di un anno fa, il movimento “En Marche!”, a fine agosto dell'anno scorso si è dimesso per poi candidarsi (in novembre) alle presidenziali come indipendente. Riformista, europeista convinto, non ha mai partecipato a un'elezione e la sua collocazione è al centro dello schieramento politico (“Né di destra né di sinistra”, come lui stesso dichiara). Al primo turno del 23 aprile era arrivato nettamente in testa, con il 24% (8,7 milioni di voti, un milione in più rispetto a Marine Le Pen).

Macron ha sconvolto lo scenario politico francese, canalizzando in una nuova offerta politica la voglia di cambiamento degli elettori e spazzando via il bipolarismo destra-sinistra che ha caratterizzato la storia del Paese negli ultimi 60 anni. Per la prima volta i due partiti storici – socialisti e neogollisti – sono stati eliminati al primo turno e non hanno quindi partecipato al duello finale. Questa sera sarà dedicata ai festeggiamenti, insieme alle migliaia di militanti, sostenitori, simpatizzanti che affollano la spianata del Louvre, intorno alla Piramide di Pei.

Ma da domani mattina Macron dovrà rimettersi al lavoro. In settimana ci sarà la presentazione dei 577 candidati di “En Marche!” alle legislative di metà giugno, il cui esito è cruciale perché il nuovo presidente possa contare su una maggioranza parlamentare. Entro domenica prossima ci sarà l'investitura ufficiale, con il passaggio del testimone da parte di Hollande all'Eliseo. E subito dopo arriverà l'atteso annuncio del nome del futuro premier e del Governo, che entrerà in funzione tra il 15 e il 16 maggio.

Aperta inchiesta sull’hackeraggio ai danni di Macron
La giustizia francese ha aperto un'inchiesta sull'atto di pirateria informatica ai danni della campagna elettorale del candidato di 'En Marche!', Emmanuel Macron. Lo si apprende da fonti vicine all'inchiesta citate da Le Parisien. L'inchiesta è stata aperta per l'ipotesi di “accesso fraudolento a un sistema di trattamento informatico dei dati” e per “violazione del segreto della corrispondenza” ed è stata affidata alla sezione frodi informatiche.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti