ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe sfilate di Milano /2

Emporio Armani guarda al cielo, il luccichio di Fendi vola sulle note di Moroder

Dopo il fluidificare e il mescolare, la moda maschile sembra dirigersi verso un nuovo rigore, una corroborante pulizia. Ma è così solo in parte

di Angelo Flaccavento

 Emporio Armani AI 23-24

3' di lettura

È solo il secondo giorno di sfilate, quindi è forse presto per gridare alla tendenza generalista – sempre che ne esistano ancora, di tendenze – ma sembra che la moda maschile, dopo tutto il fluidificare, lo sbracare e lo “smattare”, si incanali adesso, se non verso il rigore, di certo verso una corroborante pulizia. Si potrebbe parlare di ritorno all’ordine, ma è così solo in parte. La rivoluzione che ha fatto a pezzi rigidità e protocolli nella rappresentazione del maschio è reale e perdurante; prosegue inesorabile, non a fiamma alta ma con uno sfrigolio sotto la cenere che è forse ancor più dirompente. Il repulisti, quindi, è gentile: non rifiuta né rinnega l’androginia, anzi la amplifica. Infatti, accoglie deroghe e concessioni, sempre e comunque. È godurioso, mica rinunciatario; ha spirito e nuance.

Emporio Armani, la sfilata dell’AI 23-24

Emporio Armani, la sfilata dell’AI 23-24

Photogallery35 foto

Visualizza

L’aviatore di Emporio Armani, ad esempio, è una visione di pura compostezza, piena di vibrazioni nel pur palpabile aplomb. Vestito di cappotti avvolgenti e larghi pantaloni che s’arrestano a mezz’asta, ai piedi stivali massicci con suole talmente grandi da sembrare sotto steroidi, è tutt’altro che superomistico. Anzi, è come se custodisse la fragilità sotto un manto irreprensibile. In smagliante forma creativa, Giorgio Armani, icastico come sempre, lo descrive così «non è un top gun, o un supereroe: è più umano, più sottile. Quel che colpisce nella collezione è il piglio sicuro con il quale la figura dell’aviatore anni trenta, da sempre parte dell’immaginario armaniano, viene aggiornata e resa desiderabile per il pubblico di oggi senza perdere un’oncia di ineffabile leggerezza, o di eleganza. Il respiro è ampio, il segno stilistico netto, al punto tale che convince persino l’esplosione di strass sul finale.

Loading...
Fendi, la sfilata A-I 23-24

Fendi, la sfilata A-I 23-24

Photogallery21 foto

Visualizza

Luccica molto, con misurata sobrietà, anche l’uomo di Fendi, morbidissimo figuro che ama la notte, in egual misura domestica o discotecara, visto che la colonna sonora dello show è composta dall’inimitabile Giorgio Moroder, re e capostipite della disco music. La dualità, del resto, è tratto definente dell’identità Fendi – le F nel logo non a caso sono due – e Silvia Venturini Fendi ha la immaginifica capacità di plasmare questo carattere in una figura maschile tutta sua. Questa stagione la temperatura è simbolicamente alta, nel senso che la voglia di sedurre è evidente. Il corpo si percepisce distintamente, teso e sensuale, sotto il tailoring allungato dal sapore di anni Settanta; occhieggia dalle maglie monospalla; vibra sotto i cappotti e le giacche che si liquefanno come coperte, forse ritornando alla condizione primordiale di pezzo di tessuto. Il tocco autoriale, qui, è condensato con sottile sapienza in ogni pezzo, in ogni dettaglio, senza strafare: una abilità che Silvia Venturini maneggia come pochi.

Da Brioni, Norbert Stumpfl continua un brillante percorso all’insegna della dedizione all’arte sartoriale e tessile, magnificate nel segno della discrezione invece che dell’ostentazione, mentre da MSGM Massimo Giorgetti cattura l’energia sfuggente e irregolare dell’adolescenza in silhouette nervose e scombinate. Se la moda è nota, il modo ha una tenerezza abrasiva che conquista. È teso e urbano, infine, ma anch’esso ridotto all’essenza, ossia forma e colore, il messaggio di K-Way, brand del gruppo BasicNet. La continuità tra moda e vita qui è tutto, e lo show tra i tavolini del Cafè de la Paix la esalta in maniera immediata e convincente.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti