0/0In primo piano

Enav / Più mercati esteri e controllo dei cieli via satellite

Robera Neri, Amministratore delegato, confermata - Roberto Scaramella, Presidente, Nuova nomina

Roberta Neri si è presentata all’appuntamento del rinnovo con un discreto biglietto da visita. Giovedì scorso il board di Enav ha approvato risultati che hanno sorpreso il mercato: la politica dei dividendi annunciata anche per il 2017, con un incremento del 4%, un flusso di cassa (108 milioni) elevato e un debito inferiore alle attese. Il titolo venerdì ha segnato un rialzo del 5 per cento. Il business del controllore non offre grandi opportunità per inventarsi filoni di crescita. È regolato a livello europeo e l’efficienza è finalizzata anche a ridurre le tariffe per i vettori. Garantire a puntualità di decolli e atterraggi fa però guadagnare bonus. L’ad riconfermato ha dimostrato abilità nel trarre margini da piccoli spazi di manovra. E su questi binario dovrà continuare. L’attività di consulenza in paesi esteri, in Malesia, Arabia Saudita, Kenya, sono cresciute, hanno portato ricavi aggiuntivi per 14,6 milioni e un portafoglio di ordini pluriennali per 20 milioni. Anche qui bisognerà proseguire. Dal 2018 il consorzio Aireon, di cui fa parte Enav con l’omologa canadese Nav e all’americana Iridium, e che controllerà via satellite il traffico aereo mondiale, entrerà in funzione. Sarà l’unico controllore nei cieli sopra gli oceani e dove non arrivino i radar. E se il business decolla per Enav sono nuovi ricavi (60 milioni di dollari l’investimento).Laura Serafini

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti