InchiestaApprofondimento di un singolo argomento che mette a frutto il lavoro di ricerche e significative risorse.Scopri di piùPiazza Affari

Enel, uscita da Open Fiber vicina. In Borsa recupera dopo un mese in discesa

Il presidente Crisostomo: "La recente correzione del titolo è legata ai timori di inflazione"

di Enrico Miele

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Enell è tra i migliori titoli di Piazza Affari e prosegue la risalita dopo un ultimo mese in cui le quotazioni hanno ceduto quasi l'8% complessivamente.Il ritorno degli acquisti arriva mentre si registrano novità sul fronte della fibra ottica, con Enel ormai pronta a passare la mano: la sottoscrizione dei contratti di cessione delle quote di Open Fiber, infatti, è “imminente”.

A ribadirlo è stata la stessa Enel nelle risposte alle domande degli azionisti depositate per l'assemblea, spiegando come il closing delle operazioni di cessione di Open Fiber (il 40% a Macquarie Infrastructure Real Asset e il 10% a Cdp Equity) sia atteso nel quarto trimestre ma con una serie di condizioni sospensive: “Il perfezionamento della cessione a Mira e a Cdpe dell’intera partecipazione di Enel in Open Fiber, atteso nell’ultimo trimestre del 2021 – scrive infatti Enel – è subordinato a una serie di condizioni, tra le quali l’ottenimento, da parte delle banche finanziatrici di Open Fiber, dei waiver necessari al trasferimento a Mira del 40% del capitale di Open Fiber detenuto da Enel, l’espletamento della procedura in materia di golden power presso la presidenza del Consiglio dei Ministri e l’autorizzazione rilasciata dall’Autorità Antitrust comunitaria". Nell’attesa, gli investitori stanno premiando il titolo a Piazza Affari.

Loading...

Crisostomo: "Recente correzione titolo legata ad inflazione"

"Il titolo Enel ha raggiunto il record a inizio anno (con la capitalizzazione a 90 miliardi) e poi ha cominciato a flettere (-5%), dopo i dati di bilancio e della trimestrale, che registrano pesanti contrazioni dei ricavi da trading di energia elettrica e gas" ha detto il presidente di Enel Michele Crisostomo in una intervista a Il Sole 24 Ore. Gli investitori sono nervosi? "Il leggero ritracciamento dei primi mesi dell'anno è legato sicuramente alle preoccupazioni sull'aumento dell'inflazione. Ma c'è anche attenzione, come le dicevo prima, sulla transizione dalla generazione tradizionale a quella basata sulle fonti rinnovabili che può mettere sotto pressione i margini di redditività considerando che ci si aspetta un calo dei prezzi. Siamo fiduciosi del fatto che si tratti di una normale oscillazione del mercato, con una prospettiva di recupero in virtù della nostra strategia che il mercato condivide".

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti