E-commerce

ePrice, nuovo piano in arrivo. Torna l’ipotesi aumento di capitale

di Carlo Festa

default onloading pic


2' di lettura

Allo studio opzioni strategiche per ePrice, tra le aziende leader dell’e-commerce italiano.

Hanno lasciato il segno il significativo calo delle vendite nei mesi di maggio e giugno e il drastico calo della cassa al primo semestre 2019, emerse dal comunicato stampa diffuso lo scorso primo agosto. Tanto che, in attesa di chiarire il futuro, è stata rinviata a settembre l’approvazione della semestrale.

Loading...

Fondata da Paolo Ainio e quotata dal 2015 sul segmento Star di Borsa Italiana, l’azienda (un tempo nota come Banzai Spa) ha visto l’ingresso di soci eccellenti come il banchiere Matteo Arpe, fondatore di Sator, e Pietro Boroli, uno degli azionisti di De Agostini.

L’azienda, fino alla scorsa primavera, è stata teatro di un scontro proprio tra Ainio (con il 22% delle azioni) e Arpe (20%): il secondo, indispettito dal crollo delle quotazioni (oggi a 0,61 euro), ha presentato un propria lista in assemblea (perdendo), ma accendendo i riflettori sul titolo. Arpe chiedeva discontinuità strategica ritenendo come prioritaria per ePrice la ricerca di soluzioni di crescita esterna, in Italia e all’estero, non escludendo alcuna opzione, ovvero l’acquisizione di altre realtà, l’aggregazione con altri operatori o la cessione di attività.

Per qualche mese su ePrice e sull’umore degli azionisti è calato il silenzio. Ma i dati economici e patrimoniali di una settimana fa hanno riaperto la querelle sull’andamento del gruppo: con i ricavi scesi a circa 63 milioni, in calo di circa il 16% rispetto al primo semestre 2018 e una perdita a livello di Ebitda adjusted di -4,5 milioni. Maggio e giugno sono stati negativi e ora si spera nel mese di luglio.

La situazione attuale di ePrice pone delle scelte: tanto che è stato dato mandato all’amministratore delegato Paolo Ainio, con il supporto di advisor esterni, di procedere alla elaborazione di un aggiornamento del piano industriale e della coerente struttura finanziaria, valutando tutte le ulteriori opzioni strategiche e societarie necessarie.

L’azienda deve dunque cercare un rilancio. Ma per avviarlo, servono risorse, soldi che al momento la società non ha a disposizione, visto anche che la cassa è ormai ridotta al minimo: la posizione finanziaria netta è passata da 4,2 milioni dello scorso maggio a 0,5 milioni attuali.

Una delle opzioni potrebbe essere un aumento di capitale, anche se non sembra l’unica ipotesi. Nell’assemblea dello scorso aprile proprio il fondatore Ainio, rispondendo a una domanda del socio Sator, «indicava che in quel momento il piano approvato non prevedeva un aumento di capitale». Ma allo stato attuale, secondo alcune fonti vicine alla situazione, con i dati in peggioramento, la prospettiva potrebbe essere cambiata.

Oltre all’aumento di capitale, una strada alternativa potrebbe anche essere quella dell’M&A. Nelle scorse settimane si è anche parlato, in ambienti finanziari, di un impegno più consistente del terzo socio forte della compagine (con il 5,2%) Pietro Boroli, soprattutto nel caso di ricapitalizzazione: le risorse economiche, del resto, all’imprenditore non mancano affatto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti