Il caso

Ergastolo ostativo, bocciarlo «delegittima» il 41 bis per i mafiosi. In Italia 957 ergastolani

Nicola Morra, presidente della Commissione antimafia: «Si dovrebbe lavorare affinché la nostra legislazione antimafia venga recepita da altri ordinamenti nazionali in attesa di una normativa europea contro la mafia»


Papa denuncia carceri sovraffollate, superare ergastolo

2' di lettura

Allarme sulla decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo prevista sull’ergastolo ostativo. Il timore concreto è che bocciando l’ergastolo ostativo «si delegittimi il 41 bis, che è un regime carcerario che impedisce al detenuto di continuare a relazionarsi con l’organizzazione di cui era parte». Lo sostiene il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra: «l’Europa continua a mostrare indifferenza per le mafie salvo poi sdegnarsi per stragi al di fuori dei confini italiani come Duigsburg».

In Italia oggi ci sono 957 ergastolani per crimini di mafia, mentre sono 1.150 i collaboratori di giustizia e 4.592 i soggetti (compresi i familiari) sotto protezione. In un anno (2017-2018) 111 membri di associazioni mafiose e 7 testimoni hanno scelto di collaborare.

GUARDA IL VIDEO - Papa denuncia carceri sovraffollate, superare ergastolo

«Si dovrebbe lavorare affinché la nostra legislazione antimafia venga recepita da altri ordinamenti nazionali in attesa di una normativa europea contro la mafia - spiega Morra - Invece la Cedu, cioè una corte europea di giustizia, vuole impedire che l’ergastolo, senza possibilità di alcun alleggerimento di alcun beneficio, di alcuno sconto di pena, possa indurre mafiosi ad accettare la possibilità di collaborare con lo Stato, diventando fonti informative importanti per sconfiggerei sodalizi mafiosi».

Insomma per il presidente della Commissione Antimafia bocciare l’ergastolo ostativo «sarebbe un colpo anche alla memoria di Falcone e Borsellino». A paventare «il rischio di ritrovarci fuori dal carcere anche boss mafiosi e terroristi» è stato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. «Se lunedì il verdetto sul ricorso presentato dal governo confermasse questa posizione - ha argomentato Di Maio - si andrebbero ovviamente a depotenziare gli strumenti giudiziari che oggi ci permettono di fronteggiare il fenomeno mafioso e terroristico».

E aggiunge: «non si tratta di un problema che interessa solo l’Italia, ma ne va della sicurezza di tutta l’Europa». E di un’esigenza europea oltre che italiana aveva parlato il ministro Bonafede: «La legislazione italiana - ha detto - si è dimostrata molto efficace nella lotta a questi fenomeni che, tra l'altro, non sono solo italiani ma anche europei».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...