giustizia

Esame avvocati, la ministra Cartabia pensa a un decreto legge. Cancellato lo scritto

Due le prove orali che potrebbero essere previste per 26.000 candidati

di Giovanni Negri

Allarme dei Pg, giustizia quasi paralizzata da Covid

1' di lettura

Si va verso un decreto legge e verso la soppressione, per la prima volta, della prova scritta per diventare avvocato. È questa l’ipotesi su cui si sta lavorando al ministero della Giustizia e che rappresenterebbe il primo provvedimento presentato in Consiglio dei ministri dalla nuova ministra Marta Cartabia. Del resto il tempo stringe, visto che, da ultimo calendario, le prove scritte, già oggetto di rinvio, sono oggi previste dal 13 al 15 aprile. Per svolgerle si sono iscritti 26.000 candidati con punte di 4.000 a Napoli e di 3.000 a Roma e Milano. Numeri imponenti e di gestione pressoché impossibile con le regole attuali che prevedono non più di 30 presenze.

La richiesta di parere

Loading...

Un’emergenza che Cartabia ha già detto avere particolarmente presente e che al momento è stata oggetto di una richiesta di parere da parte della ministra al Cts. Parere che arriverà nei prossimi giorni e che verosimilmente sarà negativo. L’esito andrà poi confrontato con il testo in arrivo del prossimo Dpcm, ma le aspettative in via Arenula sono orientate alla necessità di un intervento d’urgenza e a prepararlo è già al lavoro il neoconsigliere giuridico per le libere professioni Gian Luigi Gatta, docente di Diritto penale alla Statale di Milano.

Due prove orali

Nel merito la proposta vedrebbe la prova scritta sostituita da un esame selettivo orale, indirizzato alla verifica dei medesimi requisiti di preparazione da parte dei candidati e quindi formulazione di un quesito, individuazione di un problema, redazione di un atto, corroborando il tutto con la capacità di orientamento nella disciplina processuale e nei riferimenti giurisprudenziali.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti