Professioni

Esame avvocati, si parte il 20 maggio. Cruciale la scelta delle materie

Firmato il decreto ministeriale che fissa la data di avvio delle prove - Le ultime indicazioni per i candidati

di Giovanni Negri

(AP - stock.adobe.com)

3' di lettura

Con la firma del decreto ministeriale si completa il quadro normativo che disciplinerà lo svolgimento della prossima sessione per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Una sessione che vedrà applicate, causa Covid, modalità del tutto inedite e, almeno per ora, circoscritte a questo solo passaggio. Dalla prossima l'auspicio è che si possa tornare a svolgere l'esame con le due classiche prove, una scritta e una orale. Per l'esame invece che comincerà il prossimo 20 maggio, entrambe le prove saranno svolte in forma orale, con la prima in presenza e la seconda con presenza solo facoltativa.

La data

Il decreto appena firmato dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia fornisce, oltre alla data di avvio, anche una serie di altre indicazioni operative da rispettare per lo svolgimento. A mancare, ma a chiederlo era stato soprattutto il Consiglio nazionale forense, è una maggiore uniformità dei quesiti che saranno al centro della prima prova, quella più innovativa, su tutto il territorio nazionale.

Loading...

Il sorteggio

Nei prossimi giorni, intanto, sulla base di quanto delineato dalla tabella di marcia che è possibile trarre dal decreto del Ministero, si aprirà la fase dei sorteggi. Quella che abbinerà innanzitutto le Corti d'appello, tenendo il più possibile presente il tema dell'omogeneità del numero dei candidati e quella relativa alle sottocommissioni, davanti alle quali il candidato sarà chiamato a sostenere le prove (a essere estratta sarà la lettera dell'alfabeto che determinerà l'ordine di svolgimento della prova).Successivamente le sottocommissioni provvederanno a definire il calendario di esame, inserendo nell'area personale di ciascun candidato il riferimento a data, luogo e ora di svolgimento della prova. L'inserimento, che vale a titolo di comunicazione, sarà comunque effettuato almeno 20 giorni prima del giorno determinato.

La pubblicità

La pubblicità delle sedute di esame che si svolgono con modalità di collegamento da remoto ai sensi è garantita dalla possibilità di collegamento in contemporanea per l'intera durata della stessa da parte di tutti i candidati e da parte dei soggetti terzi che ne facciano richiesta all'Amministrazione nel limite di 40 partecipanti.L'aula virtuale in cui si svolge la prova orale a distanza è gestita dal Presidente della commissione o da altro membro suo delegato. All'orario previsto per l'inizio della seduta, il Presidente apre l'aula virtuale per le discussioni e aspetta un tempo non inferiore a cinque e non superiore a dieci minuti per consentire il collegamento del candidato da esaminare.E' vietata la registrazione della seduta con qualsiasi mezzo. Durante lo svolgimento della discussione il candidato deve mantenere attivi il microfono e la telecamera; nel corso dell'esame non può essere utilizzata la messaggistica istantanea della riunione. Le altre persone collegate, diverse dai membri della sottocommissione, devono invece disattivare i propri microfoni e telecamere. Al termine della discussione, i membri della commissione abbandonano l'aula virtuale usata per l'esame e si ritirano in camera di consiglio utilizzando una diversa aula virtuale per decidere il voto da attribuire al candidato.La pubblicità della seduta relativa alla seconda prova orale, nel caso di svolgimento in presenza, è garantita attraverso l'accesso e la permanenza nei locali adibiti dei candidati e di altri soggetti, nel rispetto delle prescrizioni e delle modalità di accesso e permanenza ai locali.

Le materie

Infine, per esprimere la scelta delle materie di esame per entrambe le prove orali, a prima e per la seconda prova orale, il candidato deve accedere all'area personale, usando le credenziali in suo possesso, compilando l'apposito modulo. La mancata comunicazione delle materie entro il termine di dieci giorni dalla data di pubblicazione del decreto ministeriale verrà considerata quale rinuncia alla domanda di partecipazione.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti