Il business delle consegne

SUL TERRITORIO

Espansione a Nordest con l’apertura di filiali a Vicenza e Treviso

di L.D.


2' di lettura

Guarda a crescere in tutto il Nord-Est, Cassa di Risparmio di Bolzano. La Sparkasse, forte di una leadership consolidata nell’Alto Adige (dove controlla circa il 20 per cento del mercato, grazie a 60 filiali nella provincia di Bolzano, a cui si aggiungono le 13 a Trento) punta a sviluppare la propria presenza lungo l’asse dell’Adige, e più in generale in tutto l’area nord-orientale italiana. Tanto che nei piani dell'istituto c’è l’apertura, entro l’anno, di nuove filiali a Vicenza e a Treviso.

Anche questo è uno degli effetti del riassetto del mercato bancario seguito alla liquidazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, confluite in Intesa Sanpaolo: le banche rimaste sul territorio, più attive, grandi o piccole che siano, si stanno riposizionandosi per conquistare quote di mercato in una delle aree più ricche del paese, rimasta orfana delle due banche popolari.

Le due nuove aperture per Sparkasse seguono quella di inizio 2018, che ha visto l’avvio delle attività della nuova filiale a Verona, dove è stato insediato l’International desk della banca. Una mossa che ha consentito di raggiungere una crescita del 30% dei servizi all'export per le imprese, sia per operazioni fatte che di ricavi. «L’idea di fondo è estendere il più possibile la consulenza alle imprese che vogliono aumentare la propria quota di export, – spiega l’amministratore delegato, Nicola Calabrò - fornendo loro risposte concrete in termini operativi nei tempi più brevi. Intendiamo acquisire nuove quote di mercato in un settore che presenta ampi margini di crescita, sia in fatto di volumi sia di redditività».

Oltre a Verona (dove la banca conta 12 sportelli), il principale polo Sparkasse fuori dal Trentino Alto Adige è quello che gravita attorno a Belluno, dove la banca ha invece istituito una Consulta Territoriale, composta dal presidente (Paolo Doglioni, già Presidente della Camera di Commercio bellunese e attuale Presidente di Confcommercio di Belluno) e da sette membri, ognuno dei quali rappresenta un’area territoriale del bellunese. Sparkasse è presente in provincia di Belluno con 8 filiali dal 2004 e «con la costituzione di questo organismo intende rafforzare il legame con il territorio», spiegano dalla banca. Dall’inizio di quest’anno è poi operativa la nuova filiale di Padova. A conferma di un trend in Veneto, che mostra per la banca indici di crescita tra il 4 ed il 15% negli impieghi e tra il 7 e l’8% nella raccolta.

Intanto la banca prosegue nel suo processo di rilancio sotto il profilo operativo e commerciale. Dopo aver stretto nel 2018 un doppio accordo sul fronte della bancassurance (con Eurovita e Net Insurance), la cassa di risparmio punta ad aprire il dossier del risparmio gestito. Nel secondo semestre dell’anno il gruppo aprirà una selezione attraverso la quale trovare un ristretto numero di partner dei quali distribuire i prodotti in via esclusiva. Con masse di risparmio gestito per un miliardo e mezzo, e una presenza da leader in uno dei territori più ricchi d’Italia, Sparkasse si pone come una piattaforma di potenziale interesse per le grandi case d’investimento.

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti