lavoro

Esselunga, la corsa dei 180mila alla ricerca del posto fisso. In lizza per 3mila assunzioni

Primo stipendio di 1.200 euro netti con tredicesima e quattordicesima. Previsti affiancamento per imparare il mestiere e molta formazione in aula

di Cristina Casadei


Inattivi e giovani, le spine del mercato del lavoro

4' di lettura

Sono le undici del mattino quando Edoardo, Asbleidy e Luciano, insieme a molti altri giovani, escono da una sala del Palazzo delle Stelline, a Milano, dove hanno partecipato al primo colloquio collettivo di lavoro per entrare in Esselunga, la catena di supermercati che fattura quasi 7,8 miliardi di euro (anno 2018) e ha 24mila lavoratori. «Quest’anno la società ha ricevuto in tutta Italia oltre 330mila candidature da 180mila candidati che si sono presentati per diversi mestieri - spiega Daniele Del Gobbo, responsabile selezione ed employer branding -. A Milano ne abbiamo raccolte 14mila per la Job week che si tiene in questi giorni in cui stiamo facendo una selezione tra i 1.100 che si sono candidati al ruolo di allievi responsabili». La prospettiva che viene rappresentata ai candidati è un mestiere, molta formazione, uno stipendio di tutto rispetto e, soprattutto, il posto fisso. Il mitico posto fisso, quello che nell’immaginario collettivo, fino a poco tempo fa, nei servizi, si associava alla banca o alle assicurazioni.

GUARDA IL VIDEO:Inattivi e giovani, le spine del mercato del lavoro

LEGGI ANCHE / Non solo superstore, Esselunga diventa industria alimentare

Dopo il colloquio collettivo, si passa a quello individuale. Chi supera le strettoie di questa fase, arriverà nella stanza dell’hr manager per poter firmare un primo contratto a tempo determinato e iniziare un percorso di affiancamento e formazione. Lo stipendio? 1.200 euro netti, 14 mensilità, 37,5 ore di lavoro alla settimana, straordinari retribuiti ogni 5 minuti. Dopo un anno, il candidato che verrà nominato responsabile, avrà un posto a tempo indeterminato. E anche il suo stipendio cambierà. Notevolmente.

ANALISI / Il nuovo ruolo sociale delle cattedrali dei consumi

«Nel 2019 assumeremo circa 3mila persone, in crescita rispetto al 2018 quando erano state 2.500 - dice Del Gobbo -. I mestieri sono molti, non cerchiamo soltanto responsabili per casse e reparti, ma anche per i nostri centri di produzione, per la sicurezza, per l’area ristorazione, rappresentata dai Ristoranti Atlantic, realtà in forte crescita che richiederà restaurant manager, chef, responsabili di sala. Per Esserbella, l’area dedicata all’alta cosmesi, cerchiamo estetisti e parrucchieri. Nei prossimi anni, poi, con lo sviluppo delle parafarmacie, assumeremo tra i 200 e i 300 farmacisti». È un mondo del lavoro molto più complesso ed evoluto di quanto si possa anche lontanamente immaginare dall’esterno, quello della catena della grande distribuzione che, oltre a crescere attraverso le nuove aperture, sta cercando di cogliere tutte le opportunità di consumo che ruotano attorno alle grandi folle che ogni giorno arrivano nei negozi per fare la spesa.

Nel 2019 assumeremo circa 3mila persone: i mestieri sono molti, non cerchiamo soltanto responsabili per casse e reparti, ma anche per i nostri centri di produzione, per la sicurezza, per l’area ristorazione

«Prego, avanti, vada pure alla postazione numero 14», dice la hostess al nostro Edoardo. 23 anni, diploma liceo scientifico, iscritto a Fisica, «scelta sbagliata», dice lui con un po’ di scoramento. «Adesso, però, voglio iniziare a lavorare per rendermi indipendente dai miei genitori, poi magari non è detto che non riprenda gli studi, cambiando però facoltà. Mi sono candidato per il reparto macelleria, nella mia compagnia sono lo storico addetto all’acquisto e alla cottura delle carni, quando facciamo feste e grigliate. Comunque non mi preoccupano le mie competenze perché il percorso prevede affiancamento a un macellaio esperto da cui imparare il mestiere e molta formazione. Questo mi tranquillizza e mi incoraggia».

GUARDA IL VIDEO: Sviluppo sostenibile. Obiettivo 8 – Lavoro

Del Gobbo è molto ottimista sull’andamento di queste giornate. Le candidature sono buone, non è stato facile fare la prima scrematura per passare da 14mila a 1.100 e ancor meno lo sarà la selezione. A metà selezione, a Milano, un buon 30% di chi ha svolto il colloquio ha le potenzialità per il posto in Esselunga. Luciano, 37 anni, viene invitato dalla hostess ad andare alla postazione numero 20. Ci conta, ha aspettative altissime. «Ho un diploma all’istituto alberghiero, ma non è questo il punto. Per 9 anni ho lavorato in un’azienda che distribuisce corrispondenza dove avevo un contratto a tempo indeterminato. Nel 2016 ho fatto una follia. Ho dato le dimissioni per trasferirmi all’estero inseguendo il sogno del matrimonio e di un altro lavoro. È andata male, sono tornato in Italia e sto cercando un lavoro. Ho mandato il curriculum perché oltre alla possibilità di avere un posto fisso, qui mi offrono la possibilità di entrare in un percorso di crescita, facendo molta formazione».

Chi viene selezionato, svolge un periodo di affiancamento di qualche mese in più di un negozio ma per potersi misurare con team diversi

Se si chiede a Del Gobbo quanto è importante saper fare il macellaio, il panettiere, il salumiere, il pescivendolo, conoscere le farine, aver già fatto in precedenza uno dei mestieri del reparto di cui si diventerà responsabili, la risposta «è no. Non necessariamente. Chi viene selezionato, svolge un periodo di affiancamento di qualche mese in più di un negozio. Non tanto per vedere modi di lavorare diversi perché nei nostri negozi l’impostazione è molto chiara e univoca, lo standard deve essere sempre lo stesso, ma per potersi misurare con team diversi. La nomina a responsabile, se avverrà, sarà in un altro negozio, in modo tale che l’inserimento avvenga con il ruolo già maturato e non in un contesto dove il candidato è arrivato in affiancamento». Insomma il candidato, una volta superate tutte le selezioni, si può quasi dire che venga forgiato a misura di Esselunga. Il lavoro è pronti via, soprattutto in Lombardia dove nei negozi c’è un forte bisogno di persone e i tassi di disoccupazione molto bassi non rendono semplice trovare persone.

Lo schema di lavoro è quello del sette giorni su sette, con un giorno di riposo, e, oltre all’affiancamento prevede anche il percorso di formazione in aula, nell’avveniristico learning center di Esselunga, alle porte di Milano, dove i candidati ragioneranno più di sicurezza, prodotto, igiene, regole, e si misureranno sulle soft skill che sono indispensabili per poter gestire e motivare i loro team. Intanto arriva il turno Asbleidy, 31 anni, colombiana. I negozi Esselunga li conosce bene, le piacciono, la spesa la fa lì. Ce la metterà tutta per avere il posto. Fisso. «Ho un diploma tecnico e in questi anni ho lavorato in diversi locali, fino ad arrivare ad incarichi di responsabilità sia di budget che di persone. Qui, però, è diverso perché mi offrono un percorso strutturato di formazione, crescita e una prospettiva».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...