AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùBorsa Parigi

EssilorLuxottica: l’interesse del fondo Usa Third Point spinge il titolo ai massimi storici

Secondo indiscrezioni, il fondo speculativo guidato dal miliardario Daniel Loeb avrebbe costruito una partecipazione nel capitale del gruppo italo-francese

di Stefania Arcudi

2' di lettura

Il titolo di EssilorLuxottica corre a Parigi e arriva ai massimi storici (salvo poi assestarsi su livelli più bassi, comunque sempre in rialzo), sulla scia di indiscrezioni di stampa secondo cui il fondo speculativo statunitense Third Point avrebbe costruito una partecipazione nel capitale del gruppo italo-francese. Stando alle fonti sentite inizialmente da Reuters e poi rimbalzate anche sugli altri media, non ci sono indicazioni sulla quota che sarebbe stata ottenuta dall'hedge fund.

LEGGI ANCHE / Segnali distensivi da G7 calmano i mercati, Piazza Affari +1% , spread chiude a 201

Loading...

Il miliardario Daniel Loeb, che guida Third Point, sarebbe pronto a sfruttare le tensioni interne al gigante dell'occhialeria, nato dalla fusione da 48 miliardi di euro dello scorso anno tra la francese Essilor e l'italiana Luxottica. In particolare, vorrebbe fare leva su una governance considerata debole.

Third Point, secondo le fonti sentite, avrebbe incontrato Leonardo Del Vecchio, attuale presidente esecutivo di EssilorLuxottica, ma per il momento non ci sono conferme né dettagli sul contenuto delle discussioni. Third Point, che gestisce asset per 15 miliardi di dollari, solo nel corso del 2019 ha investito in alcune delle maggiori conclomerate mondiali e non ha mai fatto mistero di puntare a un maggiore attivismo laddove ci siano più criticità. A giugno, per esempio, aveva fatto pressione su Sony affinché questa scorporasse le attività sui semiconduttori, si liberasse delle quote in Sony Financial e altre divisioni e si focalizzasse sugli asset legati all'intrattenimento. O ancora, ha chiesto a United Technologies di fare saltare la fusione nel settore aerospazio con Raytheon, contractor del dipartimento alla Difesa americano, definendola «mal concepita». Nella prima metà del 2019 il fondo principale di Third Point ha avuto un ritorno del 13,1%, grazie ai guadagni generati dalle posizioni attiviste in gruppi come Nestle e Sony.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti