Report Centro Studi Italianway

Lavorare in vacanza: il 35% delle prenotazioni 2021 è a misura di smart working e Dad

Il boom dopo l’annuncio riapertura confini regionali dal 26 aprile. Tra i requisiti richiesti dagli holiday worker banda larga e barbecue. Soggiorni medi di tre settimane

di Andrea Carli

Draghi apre a spostamenti fra Regioni gialle, un pass nelle altre

4' di lettura

Si chiama “holiday working”, ed è una formula che intercetta due elementi che fino a un anno e mezzo fa, prima della crisi Covid-19, sarebbero probabilmente apparsi poco conciliabili e che dopo la pandemia coronavirus hanno cominciato a dialogare: la sfera della vacanza, e quella del lavoro, rigorosamente in modalità agile. La soluzione, sospinta da un contesto con ancora non poche incognite, a cominciare da quello che accadrà sotto il profilo delle regole per lo smart working (è in arrivo dal governo una proroga, probabilmente a settembre, del termine in scadenza il 30 aprile per l’utilizzo del lavoro agile con modalità semplificate; la norma dovrebbe entrare nel decreto “Sostegni bis” o “Imprese” di fine mese), da quanto dicono i numeri, piace.

Balzo di prenotazioni dopo annuncio riaperture dal 26 aprile

Le riaperture dal 26 aprile e la fiducia nel green pass che dovrebbe consentire agli italiani a partire da quella data di tornare a spostarsi tra regioni che si trovano in fasce di rischio differenti hanno generato ottimismo che si è tradotto in un'impennata di prenotazioni a partire dalle anticipazioni che hanno preceduto la conferenza stampa del Presidente del Consiglio Draghi venerdì scorso. Insomma gli italiani progettano fughe dalle grandi città da attuare non appena l'allentamento delle restrizioni lo permetterà, senza aspettare l'estate vera e propria. Cercano centri minori per trascorrere periodi tra lavoro ed outdoor, anche superiori a un mese (l'ultima media rilevata è di tre settimane) in un ambiente più sicuro perché meno affollato e in case con caratteristiche ben precise e adatte ad esempio ad accogliere famiglie con genitori che lavorano da remoto e figli o non ancora in età scolare o liceali-universitari, quindi anche loro studenti tramite didattica a distanza. Molto spesso con nonni al seguito, soprattutto se già vaccinati.

Loading...

Il 35% delle notti prenotate all’insegna dell’holiday working

La fotografia scattata per Il Sole 24 Ore dal Centro Studi Italianway, azienda che opera sul mercato italiano degli affitti brevi (a partire da una notte fino a 12 mesi), racconta che ad oggi il 35% delle 43mila notti prenotate (rispetto alle 445mila notti attualmente prenotabili sul portale dell’azienda) dal primo gennaio di quest'anno al 15 aprile ha come finalità l'holiday working: la durata media dei soggiorni è di 19 notti con un budget medio messo in campo pari a 3.243 euro per l'intero soggiorno, corrispondente a una tariffa media di 170 euro a notte. L’anno scorso la percentuale era del 20 per cento.

Celani (Italianway): i più reattivi nella fascia 35-55 anni

«Il Covid-19 non ha inventato cose nuove - spiega Marco Celani, amministratore delegato di Italianway -. Ha accelerato dei trend che già c’erano. E l’holiday working è uno di questi. Si è rimosso il vincolo tecnologico e normativo. Ora si può andare in questa direzione, anche perché credo che la modalità di lavoro agile rimarrà anche dopo che avremo superato l’emergenza pandemica. Lo scorso anno - continua Celani - abbiamo scoperto questo fenomeno per caso: ci siamo resi conto che alcune persone chiedevano di lavorare in appartamento. A novembre abbiamo avuto un boom di clienti che hanno deciso di fare questa esperienza a Lampedusa». Qual è la platea, almeno potenziale? «Tutti quelli che per lavoro non hanno un contatto quotidiano con il pubblico puntano su questa soluzione - risponde Celani -. Nel 2020 abbiamo registrato una crescita anno su anno del 78% delle prenotazioni da parte di over 65. Nel 2021 invece sta venendo fuori la fascia 35-55 anni, mentre quella dai 65 in su ancora non decolla, probabilmente perché attendono di ottenere una copertura vaccinale».

Da Avola a Siracusa: le mete più richieste

La seconda fase o stagione di holiday working partirà da metà maggio in poi. Caratterizzerà l'estate ma anche l'autunno 2021. Ad esempio, la società già ricevendo prenotazioni su Lampedusa per ottobre da parte di viaggiatori del Nord Europa. Un altro elemento che contraddistingue questa soluzione è che le destinazioni più prenotate quest'anno esulano dalle principali rotte turistiche consolidate negli anni; sono quindi isolate (isolamento percepito come chiaro indice di sicurezza) e raggiungibili in auto o traghetto. Continuano a essere top performer destinazioni in cui è possibile prenotare case fuori dai centri storici ma con tutti i servizi facilmente raggiungibili come Termoli (Molise), Muravera (Sardegna), Monopoli, Castellana Grotte e Lecce in Puglia; Sirolo nelle Marche, Marone sul Lago di Iseo; il Bormiese e Valdisotto in Lombardia; Andora e Sanremo in Liguria. Benissimo Avola, in provincia di Siracusa e soprattutto Lampedusa. Si conferma top performer la Costa Smeralda. Insomma, tanto mare per gli italiani ma anche località di montagna. Nel complesso la Puglia, la Liguria e le isole sono già state identificate come mete per passare un periodo di relax, con la possibilità di lavorare negli alloggi scelti, mentre ci si attendono prenotazioni fino all'ultimo minuto in Toscana, Marche, Calabria e nelle località montane.

I requisiti: connessione veloce, barbecue e parcheggio

In cima alle richieste di informazioni che precedono le prenotazioni svetta il “WiFi speed”: le persone cercano case in cui sia possibile lavorare al meglio e quindi con una connessione di rete realmente veloce, quindi Wi-Fi illimitato e perfettamente funzionante, per poi concedersi, a fine giornata o nei fine settimana, un vero relax. Stando da quanto è emerso dal monitoraggio del traffico registrato dal portale di Italianway, in seconda posizione tra le richieste dei guest c'è il barbecue. Risultano molto apprezzati i due nuovi filtri di ricerca relativi appunto sia al “WiFi “che al “barbecue”.Le case più ricercate e prenotate sono grandi, spaziose, con aree esterne private (giardini recintati per far giocare i figli in sicurezza magari mentre i genitori lavorano, dehors o terrazze), almeno tre ambienti separati (no divani letto), spazi esterni verdi se possibile con forno o barbecue, e naturalmente il parcheggio. Meglio se privato perchè la prospettiva è di continuare a spostarsi in macchina il più possibile. E lo stress per trovare un posto deve rimanere, quello sì, in città.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti