profumi

EuroItalia si rafforza con due acquisizioni

Il gruppo lombardo che commercializza in tutto il mondo fragranze per brand del lusso ha rilevato Atkinsons e I Coloniali

di Marta Casadei

L’allestimento del marchio Versace nel mall Bloomingdales di Dubai

3' di lettura

«Il 2020 è un anno faticoso per tutti, anche per EuroItalia. Fin dai primi di marzo, quando l’emergenza si è confermata e prolungata, abbiamo stabilito la priorità: sostenere il mercato della profumeria selettiva. Perciò abbiamo stimolato il mercato con lanci e investimenti straordinari. Siamo convinti che queste scelte pagheranno e stimiamo di guadagnare, in un orizzonte temporale di 12-18 mesi, significative quote di mercato». Guarda al futuro Davide Sgariboldi, general manager di EuroItalia, azienda italiana fondata nel 1978 che produce (in Italia) e commercializza (in tutto il mondo) profumi di lusso, con un portafoglio di fragranze che include, tra gli altri, Missoni, Moschino e Versace.

Il 2020 è arrivato dopo un anno molto positivo, chiuso con fatturato in crescita del 13,1% a 395 milioni di euro; nonostante un orizzonte leggermente negativo - la chiusura è prevista a -5/-10% di ricavi - ha portato con sé nuovi lanci (come Wave di Missoni, Eros Edp e Dylan Turquoise di Versace) e acquisizioni (Atkinsons e I Coloniali). Con un duplice intento: garantire continuità ai brand e stimolare il mercato. Che ha dimostrato di aver bisogno di fragranze anche in un momento come la pandemia: «Le fragranze, nascono e si sviluppano per apportare dei benefici agli individui - dice il general manager -. Le fragranze hanno l’incredibile abilità di dar voce alle emozioni, di riflettere i propri stati d’animo, di evocare memorie piacevoli; quest’anno più che mai sono state indispensabili per farci “ritrovare”, per continuare a sognare e viaggiare».

Loading...

Le prime reazioni positive, nonostante la situazione generale rimanga complicata, EuroItalia le ha già riscontrate concretamente. L’azienda, che realizza il 93% del fatturato oltre confine, ha avuto risposte importanti in alcuni Paesi: «Nei Paesi del nord Europa abbiamo avuto una grande crescita e i nostri brand hanno nettamente migliorato il loro posizionamento in tutte le classifiche», spiega Sgariboldi. Ma non è tutto: «In Australia, primo Paese nel quale abbiamo lanciato Versace Dylan Turquoise, la fragranza è andata out of stock in sole due settimane e mezzo, battendo ogni record dal 2016, mentre la Cina, intesa come mercato domestico, confermerà una crescita addirittura del 20%».

Guardare al futuro vuol dire non solo pensare a nuovi prodotti da lanciare sul mercato, ma anche all’evoluzione delle abitudini di shopping che, spinta dal lockdown, è in corso. E che ha nel digitale un importante driver: «Come EuroItalia non abbiamo un canale e-commerce dedicato alle fragranze dei nostri brand, ma supportiamo e presidiamo i nostri clienti e distributori con attività di digital commerce e digital marketing». Diversa è la situazione di Naj Oleari Beauty, marchio di proprietà: «Abbiamo canali di e-commerce e digital marketing di proprietà con gestione autonoma e diretta. Nel 2020 abbiamo visto raddoppiare le principali metriche di tutti i nostri canali, e-commerce e digital, raddoppiando anche le vendite rispetto allo scorso anno».

Tra i temi chiave per il futuro c’è anche quello della sostenibilità, particolarmente caro a EuroItalia, che tra qualche settimana pubblicherà il bilancio di sostenibilità e che, pur essendo impegnata da anni su questo fronte, punta a migliorarsi. Sgariboldi fa un esempio concreto: «Penso che con la nuova fragranza donna di Versace abbiamo raggiunto un livello straordinario. Più dell’85% delle materie prime contenute nella fragranza è biodegradabile. Abbiamo una supply chain a chilometro zero – tutto il packaging e la fabbricazione nascono e si svolgono a stretta distanza nel distretto lombardo e il packaging è certificato Fsc e plastic free».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti