ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Piazza Affari torna al top da febbraio 2020 con super Unicredit

Brilla l'intero settore bancario. Tonfo per Unieuro e Juventus. A Milano stacco cedola per 16 società. Euro ancora forte, petrolio in rialzo. Spread in leggero calo a 114

di Andrea Fontana

Aggiornato alle 22,07

La Borsa, gli indici del 10 maggio 2021

3' di lettura

Banche e società delle materie prime protagoniste assolute della prima seduta settimanale di Borsa sui listini azionari europei che chiudono però contrastate con Piazza Affari e Madrid (+0,9%) a fare da capofila. In rosso Amsterdam, piatte le altre. In particolare il FTSE MIB ha terminato le contrattazioni con un incremento dello 0,78% che riporta l’indice ai massimi da febbraio 2020 (a 24.800 punti circa).

Brillanti le banche italiane a cominciare da Unicredit che sfrutta ancora l’effetto trimestrale e incassa valutazioni positive da parte dei broker chiudendo in rialzo del 5,2%. La trimestrale con performance operativa migliore delle previsioni spinge Bper (+3,87%) seguita da Banco Bpm (+2,7%). I conti e la conferma della guidance sono alla base della performance di Buzzi Unicem nel settore costruzioni, mentre fuori dal Ftse Mib balzo dell'8,47% per Astm che chiude a 27,92 euro per azione: Nuova Argo Finanziaria ha alzato a 28 euro il prezzo dell'opa sulla società autostradale estendendo al 24 maggio il periodo di adesione. Intanto a Wall Street l'indice Dow Jones è andato per la prima volta sopra quota 35mila punti. A meno di un'ora dalla chiusura Wall Street procede poi contrastata, con il Dow Jones che guadagna lo 0,18% ma che scende sotto il record dei 35mila punti raggiunto nel corso della seduta. Il Nasdaq perde il 2,24% e l'indice S&P500 lo 0,72%. Wall Street chiude poi negativa sotto il peso dei tecnologici, col Dow Jones che perde lo 0,10% a 34.744,40 punti e l'indice S&P500 l'1,04% a 4.188,51 punti. Il Nasdaq, mettendo a segno la sua peggiore giornata dal marzo 2018, perde il 2,55% a 13.401,86 punti.

Loading...

Tonfo per Unieuro e Juventus, stacco cedola per 16 quotate

Sul Ftse Mib ha sofferto StMicroelectronics scontando la giornata negativa dei tecnologici su entrambe le sponde dell'Atlantico (-2,36% il sottoindice Stoxx600 e -1,4% Nasdaq) mentre è proseguita la fase in altalena di Nexi (-1,4%) che questa settimana presenterà i numeri del periodo gennaio-marzo. Fuori dal Ftse Mib ha accusato una battuta d'arresto Unieuro (-6,9%) pagando il downgrade di Mediobanca Securities sul titolo (da outperform a neutral) in attesa del piano strategico e alla luce del +70% realizzato in Borsa da inizio anno. Giù del 5% Juventus Fc dopo la sconfitta in campionato di Serie A contro il Milan che rende più difficile la corsa del club rossonero a qualificarsi per il prossimo torneo di Champions League, prestigiosa e remunerativa competizione per le squadre europee. Balzo del 5,7% per Cairo Communication, su cui Equita ha alzato le stime sui margini 2021-22 e portato la raccomandazione a "buy". In rialzo Mediaset (+1,3%) che domani approverà la trimestrale e soprattutto che si appresta a metà settimana a presentare una offerta per M6. Seduta di stacco dividendi per sedici quotate del listino di Piazza Affari a cominciare da WeBuild (+2,6%) e Avio (-2,3%).

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread arretra a 114 punti

Chiusura in calo per lo spread tra BTp e Bund. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco è indicato a 114 punti base, in flessione dai 118 punti della vigilia. A fine seduta il rendimento del BTp decennale benchmark risulta in calo allo 0,93%, dallo 0,97% della chiusura di venerdì.

Dollaro rimane debole, petrolio in calo

Sul mercato dei cambi, l’euro allunga nei confronti della valuta americana e scambia a 1,2167 dollari (1,2154 venerdì). Dollaro/yen a 108,73 (da 108,65), dollaro/yen a 132,25 (da 131,76). Petrolio in calo di mezzo punto percentuale con il Brent luglio a 68 dollari al barile e il Wti giugno a 64,56 dollari al barile. Nuovo record per il rame, mentre i future sul minerale di ferro sono arrivati a salire di oltre il 10%.

Trimestrali e dati Usa i temi della settimana

La settimana dei mercati finanziari continuerà a guardare alle trimestrali in Europa, con numerose società del Ftse Mib che rilasceranno i conti, ma anche alla macroeconomia in particolare americana: al centro dell'attenzione i dati dell'inflazione statunitense di aprile (mercoledì 12) e le vendite al dettaglio Usa, sempre del mese di aprile in programma venerdì 14.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti