ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla giornata dei mercati

Europa positiva con Zew e Wall Street. A Piazza Affari male Nexi

di C. Di Cristofaro e P. Paronetto


(REUTERS)

3' di lettura

L’indice Zew sulla fiducia degli investitori tedeschi migliore delle attese e l’andamento positivo di Wall Street dopo una nuova tornata di conti trimestrali ha sostenuto le Borse europee (qui l'andamento degli indici). Piazza Affari, dove il FTSE MIB si è fermato a +0,12%, è stata frenata dalla debolezza dell’Eni (-1,56%), sui timori legati alla situazione in Venezuela e in Libia, e di molte utility (Terna -1,74%). Hanno invece guadagnato terreno le banche nonostante l’allargamento dello spread, trainate dal +3,2% di Unicredit, che ieri ha annunciato che pagherà sanzioni per circa 1,3 miliardi di dollari per chiudere i contenziosi Usa sull’Iran. Cifra che, pur essendo superiore alle attese, è già più che coperta dagli accantonamenti effettuati dalla banca. In evidenza anche Tenaris (+3,38%) dopo l’annullamento del rinvio a giudizio in Argentina del presidente e ceo Paolo Rocca. Debutto amaro per Nexi, che nel primo giorno di negoziazione ha ceduto il 6,22%.

Sul fronte macroeconomico, la produzione industriale negli Usa è diminuita nel mese di marzo inaspettatamente dello 0,1%, contro attese per un aumento dello 0,2%. Dall'Europa invece sono arrivate le indicazioni positive dell'indice tedesco di fiducia degli investitori Zew, migliorato in aprile a 3,1 punti da -3,6 di marzo, oltre le attese.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Corre Tenaris, scivolone di Nexi nel giorno dell'esordio
Sul listino principale, in netto rialzo Tenaris dopo che la Corte argentina ha annullato il rinvio a giudizio dello scorso novembre che chiamava in causa Paolo Rocca, presidente e ceo del gruppo, in quanto mancano basi necessarie e sufficienti per poter collegare Rocca alle indagini in corso. Ben comprate anche le Azimut che continuano a correre dall'inizio dell'anno. In evidenza Unicredit che spicca al rialzo dopo la sanzione negli Usa maggiore del previsto ma che non prevede ulteriori accantonamenti e che libera 300 milioni sul bilancio. Si sono indeboliti gli altri titoli del comparto bancario, dopo l'avvio in netto rialzo. In coda al listino Juventus Fc, che ha preso la via del ribasso nel giorno della partita di ritorno dei quarti di finale di Champions con l'Ajax. Anche le utility frenano il listino con Enel, Italgas, Snam Rete Gas e Terna deboli.

In rosso anche gli energetici con Eni in coda al listino. E' partita male la giornata di Nexi in Borsa con il titolo, collocato a 9 euro, che è arrivato a perdere anche il 7%. L'a.d. Paolo Bertoluzzo ha ricordato che «Nexi non ha nemmeno due anni di età», ma ha fondamenta solide e «ha alle spalle le banche popolari e società come Cartasì e Bassilichi».

Andamento dello spread Btp / Bund


Euro in lieve calo e sterlina debole. Poco mosso il petrolio, spread a 253
Sul mercato dei cambi, euro in lieve flessione a 1,1291 dollari (1,1302 ieri in chiusura) e 126,42 yen (126,58), mentre il rapporto dollaro/yen è a 111,96 (112,00). Debole la sterlina, indicata a 1,3050 dollari (1,3106) e 0,8652 per un euro (0,8640). Poco mosso, infine, il prezzo del petrolio: il future maggio sul Wti sale dello 0,22% a 63,54 dollari al barile, mentre la consegna giugno sul Brent si attesta a 71,17 dollari (-0,01%).


Sull'obbligazionario, chiude in rialzo lo spread tra BTp e Bund pur ritracciando sensibilmente rispetto ai massimi toccati in giornata. Sul mercato secondario telematico Mts dei titoli di Stato europei, il differenziale di rendimento tra il nuovo BTp decennale benchmark il titolo tedesco di pari durata - che a metà seduta si era allargato fino a sfiorare quota 260 punti - ha chiuso a 253 punti base, appena sopra il riferimento precedente (252 punti). In rialzo al 2,60%, dal
2,57% della vigilia, il rendimento del decennale benchmark italiano.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti