emg 2019

European masters games, dai 30 ai 90 anni (da soli o in coppia) in gara a Torino

di Veronica Riefolo

4' di lettura

Amare lo sport, voler gareggiare, stare in compagnia, divertirsi e godersi le bellezze architettoniche ed enogastronomiche piemontesi. Tanto basta per prendere parte agli European masters games (Emg) di Torino 2019 in programma dal 26 luglio al 4 agosto nel capoluogo del Piemonte e in 15 Comuni delle province di Torino, Novara e Vercelli. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 giugno 2019 sul sito dell'evento www.torino2019emg.org . Non è necessario essere tesserati con delle federazioni sportive, si può partecipare a 3 sport e a 5 discipline e si gareggia per fasce d'età. Non ci sono qualificazioni né squadre nazionali, sono ammesse squadre miste e per partecipare basta essere in possesso del certificato d'idoneità all'attività sportiva agonistica. Inoltre, il calendario di gara prevede 3 discipline paraolimpiche (atletica, nuoto e tiro con l'arco), perché gli Emg sono un evento inclusivo, aperto a tutti.

Le gare
A Torino si disputeranno, tra le altre, le gare di tiro con l'arco, atletica, badminton, basket, beach volleyball, ciclismo, scherma, calcio, paddle, tiro al piattello, nuoto, taekwondo, tennis, pallavolo e una scenografica maratona di canoa nel centralissimo tratto del Po in prossimità del Ponte Umberto I. A Ivrea si gareggerà con la canoa mentre sul lago di Candia si disputeranno le gare di canoa-kayak e canottaggio. Ad Avigliana il triathlon, a Giaveno gli incontri di judo e karate, a Fenestrelle la vertical run, nel parco della Mandria le gare di golf, a Grugliasco il rugby, a Rivoli il torneo di tiro con l'arco di campagna, a Ciriè le competizioni di sollevamento pesi, a Settimo Torinese il wakeboard, a Venaria Reale la maratona e i 10.000 metri piani, a Castiglione, Carisio e Carpignano Sesia il tiro a volo.

Attesi atleti master da tutto il mondo
La manifestazione sportiva dell'estate porterà migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo a gareggiare nei parchi, nelle piazze e negli altri luoghi simbolo di Torino, unendo la vocazione culturale e storica del territorio alla passione per lo sport. Si correrà, per esempio, nel Parco Regionale della Mandria , la riserva di caccia della corte sabauda dal XVI secolo, la mezza maratona con arrivo davanti alla Reggia di Venaria , patrimonio Unesco dal 1997. La gara di ciclismo su strada raggiugerà invece il Colle di Superga dove sorge l'omonima Basilica, gioiello sabaudo progettato dal celebre architetto del ‘700 Filippo Juvarra, dopo un percorso panoramico che si snoda tra la collina di Torino e quella di Asti. E ancora Piazzetta Reale, cuore nobile della centrale Piazza Castello, dove si svolgeranno le finali di alcune specialità della scherma, o il Forte di Fenestrelle, la più grande fortezza alpina d'Europa, che ospiterà la gara della 4.000 scalini per raggiungere la sommità del forte. Gli European masters games non sono soltanto sport: stimolare l'incontro tra culture, far conoscere le eccellenze di un territorio, sviluppare i principi della vita sana e della corretta alimentazione sono soltanto alcuni dei valori di questo grande evento mondiale multisport dedicato agli atleti over 30.

Le curiosità
Saranno protagonisti grandi atleti che negli anni hanno gareggiato, vinto e si sono distinti per imprese eccezionali: Vaclav Hejda, polacco, con i suoi 93 anni è attualmente l'atleta con più anni di esperienza iscritto fino a oggi agli Emg. Classe 1926, Vaclav gareggerà nell'atletica leggera nelle discipline 100, 200 e 400 metri, nel salto in lungo e nel lancio del peso. Suo connazionale e sfidante, nonché quasi coetaneo, è Karel Matzner, classe 1927, iscritto anche lui ai 200, 400 e 800 metri. Anche per quanto riguarda l'Italia non mancano esempi di atleti di lungo corso. È il caso di Vittorio Nocilli, 92 anni, a oggi il più maturo tra i nostri connazionali, iscritto alle gare di tiro a segno da 10
e 50 metri. Nel 2016 Nocilli è stato insignito dal Coni della Stella di bronzo al Merito Sportivo, categoria dirigenti. Orgoglio nazionale e grande atleta Master, iscritto alle gare di canottaggio nelle specialità singolo, coppia e quattro senza, è Vittorio Soave, 85 anni, inventore della gara Silver Skiff, considerata la miglior regata di fondo per singoli in Europa. Nel 2002 il Trofeo SilverSkiff è entrato a far parte del calendario internazionale della Federazione italiana salvamento acquatico ( Fisa) , ricevendo così l'ufficiale consacrazione di regata internazionale.

Le atlete master
Fin qui abbiamo parlato soltanto di atleti maschi, ma agli Emg di Torino non mancheranno le “star” al femminile. Iniziamo con una vera e propria leggenda del nuoto, Jane Asher, inglese, 88 anni, che gareggerà nei 50, 100, 200 e 800 metri stile libero e nei 50 metri farfalla. Gareggerà nella durissima prova della vertical run, che si svolgerà nella suggestiva cornice del Forte di Fenestrelle, Franca Monasterolo, 76 anni, che ha totalizzato il miglior tempo per fascia d'età. Ma lo sport si pratica anche in coppia, come nel caso dei torinesi Agostino Ramella, 78 anni, e Gabrielle Bois, classe 1943, star nostrane del Triathlon.

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti