commissione antimafia

Europee: 5 candidati “impresentabili”: tra loro anche Berlusconi e Tatarella


Europee, per cosa andiamo a votare il 26 maggio?

2' di lettura

Sono cinque i cosiddetti 'impresentabili', secondo la Commissione parlamentare antimafia, alle elezioni Europee di domenica prossima : uno è candidato con Casapound e gli altri con Forza Italia. Tra questi ultimi, Silvio Berlusconi e Pietro Tatarella. Le candidature segnalate, ha fatto sapere il presidente della commissione, il Cinquestelle Nicola Morra, sono «non conformi al codice di autoregolamentazione» perchè si tratta di soggetti «rinviati a giudizio e con dibattimento in corso».

APPROFONDIMENTI: ecco i numeri che dividono l'Europa

L’elenco
I nomi segnalati per l’esame erano 12. Secondo il codice di autoregolamentazione le candidature non conformi, che riguardano soggetti rinviati a giudizio o con dibattimento in corso, sono -per Forza Italia -quella di Silvio Berlusconi, imputato per corruzione in atti giudiziari e con dibattimento in corso al tribunale di Roma e Milano; Giovanni Paolo Bernini, condannato a marzo da Corte del tribunale di Bologna per corruzione e per atto contrario a doveri ufficio e prescrizione per induzione indebita a dare i promettere utilità; Salvatore Cicu, imputato per riciclaggio e con dibattimento in corso.

Tatarella è “sub iudice”
Diversa è la situazione di Pietro Tatarella, in carcere e coinvolto nell'inchiesta sulle tangenti a Milano. Quest'ultimo ha fatto ricorso al tribunale del Riesame ed è in attesa dell'esito. Per questo è definito 'sub iudice' dalla commissione Antimafia. Emanuela Florino, di Casapound Italia, è invece imputata per associazioni sovversive e banda armata e con dibattimento in corso.

Regionali, un impresentabile della Lega in Piemonte
È nelle liste della Lega l'unico candidato 'impresentabile', secondo il codice di autoregolamentazione Antimafia, alle elezioni regionali in Piemonte di domenica prossima. Si tratta di Riccardo Lanzo, rinviato a giudizio per corruzione e per atto contrario a doveri di ufficio.
Nel Comune di Bari, i cosiddetti 'impresentabili' - in particolare anche secondo la legge Severino - sono Francesco Lezzi, della lista Dirella Sindaco, su cui pende una condanna per detenzione di sostanze stupefacenti e Annunziata Mega della lista Pensionati, che ha due condanne per ricettazione continuata.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti