ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa cronaca della prima serata

Eurovision Song Contest parte con l’Ucraina in pole. Ascolti a 5,5 milioni

Stabiliti i primi 10 finalisti del festival. A Torino Cattelan, Mika e Pausini col dono della sintesi. Polemica per le molestie al party inaugurale

di Francesco Prisco

Aggiornato l’11 maggio 2022, ore 11:11

Eurovision, standing ovation per ucraini Kalush Orchestra

4' di lettura

Parte bene l’Eurovision Song Contest italiano, almeno per quanto riguarda gli ascolti. Sono stati 5 milioni 507mila, pari al 27% di share, i telespettatori che hanno seguito martedì 10 maggio su Rai 1 la prima semifinale della competizione Ebu, trasmessa in diretta dal Pala Olimpico di Torino. Un record, per quanto non sia scientificamente rilevante fare raffronti con le semifinali dell’anno scorso, dal momento che furono trasmesse da Rai 4, canale con una platea di nicchia. Nell’access prime time la presentazione dell’Eurovision ha ottenuto su Rai 1 4 milioni 716mila spettatori pari al 23,12% di share.

L’opening act di Esc 2022 (Afp)

L’Eurovision Song Contest ha fatto anche cose buone. Ve lo immaginate voi un Sanremo che dura soltanto due ore e alle 23 tutti a dormire? Uno show in cui ci sono tre conduttori ma fanno i conduttori perché, trattandosi di un concorso canoro, al centro della scena ci vanno soprattutto le canzoni? È più o meno l’effetto che ha fatto la prima semifinale dell’Eurovision Song Contest di Torino. Nulla di nuovo per chi segue la kermesse, se non per il fatto che un festival organizzato così, in Italia, è di per sé una notizia. Quando si dice il dono della sintesi.

Loading...

L’abbraccio tra Cattelan, Mika e Pausini nelle vesti di conduttori (Afp)

Che emozione: alle 23 tutti a dormire

C’erano tre conduttori di primo piano (Alessandro Cattelan, Mika e Laura Pausini), tutti e tre avevano a che fare con lo show biz tricolore, ma non andavano troppo oltre il seminato, perché il format è internazionale, la liturgia la stabilisce Ebu e non c’è spazio per il gigantismo italico. Lo show c’è (con la tradizionale abbondanza di kitsch e qualche provocazione intelligente), la musica pure (la musica di Esc, rigorosamente per appassionati del genere), gli ospiti non mancano (dall’onnipresente Dardust a Diodato che rimembra ancora la vittoria «mutilata» di Sanremo 2020 con Fai rumore) eppure… est modus in rebus.

Cattelan e Pausini presentano Blanco e Mahmood (Lapresse)

Chi va in finale

La musica, dicevamo: approdano alla finale di sabato Svizzera, Armenia, Islanda, Lituania, Portogallo, Norvegia, Grecia, Ucraina, Moldavia e Olanda che al televoto si sono imposte tra le prime 17 nazioni che concorrevano. Sabato, oltre alle nazioni che si qualificheranno con la semifinale di giovedì, avranno modo di affrontare le big five (Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia e Spagna), teste di serie che non passano per i due turni preliminari. E finalmente entreranno in gioco Blanco e Mahmood con Brividi, vittoriosa a Sanremo 2022.

Kalush Orchestra, in gara per l’Ucraina (Reuters)

Ucraina in pole per la vittoria

Ma che musica si è ascoltata a Eurovision? La competizione è cominciata con il tribal kitsch della albanese Ronela Hajati (Sekret). Atmosfere vagamente white soul (più white che soul) per la Lettonia, rappresentata dai Citi Zēni vestiti color pastello (Eat your salad), mentre la Lituania guarda in direzione della Mittleuropa anni Venti con il caschetto alla Louise Brooks di Monika Liu (Sentimentai). La Svizzera, al contrario, americaneggia inseguendo un’idea di America non meno retrò: quella di Marius Bear (Boys do cry). Non male il revival Italo Disco degli sloveni Last Pizza Slice (Disko). Nulla che i Daft Punk non abbiano già fatto una decina di anni fa, intendiamoci. Ovazione del pubblico per gli ucraini Kalush Orchestra, grandi favoriti della vigilia con la loro Stefania. E non per motivi squisitamente musicali. Se non è una pole position, poco ci manca.

Maro, in gara per il Portogallo (Afp)

L’eleganza di Portogallo e Olanda

Hard rock mainstream anni Ottanta nei colori della Bulgaria, rappresentata dagli Intelligent Music Project con Intention. Ci scappa pure un assolo alla Van Halen. Un po’ figlia di Adele, un po’ di Florence + Machine è l’olandese S10 (De Diepte). Da attenzionare in chiave podio. Divertente l’esperimento patchanka della Moldavia rappresentata da violini, chitarre elettriche e citazioni dei Ramones di Zdob Si Zdub & Fratii Advahov (Trenuletul). La portoghese Maro scommette sul pop sofisticato di Saudade, saudade. Una world music che potrebbe valere il podio. Ballata acchiapponica per Mia Dismic, star del pop croato che internazionalizza con l’orecchiabilissima Guilty Pleasure. La Danimarca si affida alla zuccherosa power ballad delle Reddi (The Show). La buttano in techno gli austriaci Lum!x e Pia Maria con la compulsiva/ossessiva Halo. È una Islanda neo-country quella delle Systur, alle prese con l’eterea Með Hækkandi Sól. Proprio vero che, visto da lassù, è tutto un altro mondo. Eterea pure Amanda Georgiadi Tenfjord, greca ma non troppo (è naturalizzata norvegese) che gorgheggia Die together. «Date a quel lupo una banana» (Give that wolf a banana) è invece l’imperativo dance dei norvegesi Subwoolfer che riattualizzano il vecchio principio in base al quale basta mettersi una maschera per stare simpatici a tutti. Chiude il quadro il folk educato dell’armena Rosa Linn (Snap).

I norvegesi Subwoolfer sul palco di Esc (Afp)

Le polemiche sulle molestie

Sullo sfondo della festa, avvelenano l’aria le accuse delle volontarie dell’Eurovision (che sostengono di essere state molestate da alcuni artisti al party inaugurale) e le successive smentite del Comune di Venaria. «Come spesso capita, la voce delle donne che vivono violenza viene silenziata, i loro racconti non creduti e le loro esperienze non ascoltate», commenta il collettivo femminista Non Una di Meno schierandosi con le ragazze che hanno denunciato di aver subito molestie da parte degli artisti di alcune delegazioni in occasione del party inaugurale di domenica sera alla Reggia. Accuse di molestie girate nelle chat delle giovani che sono però state smentite dal Comune di Venaria. Ladies and gentlemen, siamo italiani: niente festival senza polemiche. Pure quando il festival è europeo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti