Piattaforme

Eventi e degustazioni online, l’Amarone conquista New York

di Barbara Ganz

Da pochi giorni è online Seccodocg.it, il nuovo portale che riunisce in un'unica vetrina virtuale tutte le cantine che fisicamente producono il prosecco docg a Valdobbiadene

4' di lettura

Una serie di eventi online per assicurare, insieme al prodotto, un’esperienza che arrivi al consumatore oltre i limiti imposti dall’emergenza sanitaria. Per il vino, che fra lockdown e ristoranti chiusi a cena è fra i settori che più risente dell’epidemia, trovare nuove forme di contatto con i clienti e affinare le strategie di marketing è una necessità. «La nostra azienda è attiva nell’ecommerce già dal 2008, quando abbiamo iniziato a vendere i nostri vini in una delle piattaforme specializzate. Da allora il mondo è completamente cambiato», spiega Martin Foradori Hofstätter, titolare dell’omonima azienda altoatesina J. Hofstätter e della Dr. Fischer - Hofstätter Mosel che ha acquisito nel 2014 in Mosella, Germania. L’Horeca - cioè le vendite tramite hotel, ristoranti e caffè - «non potrà mai essere sostituita dal commercio online, ma oggi la presenza dei prodotti online è fondamentale. Siamo attivi su quasi tutti i canali specializzati presenti in rete e dal dicembre 2019 abbiamo uno shop sul nostro sito web che ci permette di spedire le nostre etichette in tutto il mondo. Le restrizioni legate alle misure per il contenimento del Covid-19 ci hanno insegnato che la vendita online ci permette di instaurare un legame più diretto con il consumatore e di offrire agli appassionati di vino eventi personalizzati con degustazioni online e altri servizi». Per questi Hofstätter ha messo a punto e realizza una serie di eventi online dedicati a chi acquista i propri prodotti: «Al momento proponiamo due tipologie di pacchetti di digital tasting, di 60 minuti: uno dedicato ai vini top di gamma e agli autoctoni del nostro territorio, e uno che spazia dal Riesling che la nostra azienda produce in Mosella al nostro Pinot Nero che nasce da vigneti situati sui terreni vocati dell’altopiano di Mazon. Una volta scelto il pacchetto, il cliente riceve a casa i vini e fissa insieme a noi l’appuntamento per l’evento virtuale».

Amarone digitale
Le nuove tecnologie hanno dato una mano anche al “principe dei Rossi della Valpolicella”, che in versione digital ha raggiunto New York per una degustazione dedicata a buyer e media americani. Un assaggio a distanza - dal titolo “Amarone della Valpolicella DOCG virtual tasting: explore the history and unique style of one Italy’s most iconic wine denominations” - andato in scena lunedì 23 novembre in streaming sulla piattaforma Veronafiere. Per Christian Marchesini, presidente del Consorzio Vini Valpolicella, «intendiamo continuare a supportare e avvicinare gli operatori americani alle nostre aziende e al brand di punta della denominazione che, come tutto il vino italiano, sta scommettendo sulla ripartenza anche attraverso la sperimentazione di nuovi format digitali. Gli Stati Uniti sono il secondo mercato di sbocco per l’Amarone. Per questo è necessario continuare a salvaguardare il posizionamento del nostro vino anche in questa fase di distanziamento forzato e in attesa di tornare agli eventi fisici».

Loading...

Da pochi giorni è online Seccodocg.it, il nuovo portale che riunisce in un'unica vetrina virtuale tutte le cantine che fisicamente producono il prosecco docg a Valdobbiadene

La vendita è digitale
La corsa alla vendita online è diventata una necessità. Tra le prime aziende del vino a dotarsi di un ecommerce di proprietà fin dal 2012, che oggi ha raggiunto un volume di vendite di circa 1 milione l’anno, la Cantina Produttori di Valdobbiadene – Val D’Oca ha registrato nel periodo di lockdown della prima ondata di Covid-19 una crescita a doppia cifra delle vendite online (+ 94% a marzo e + 83% ad aprile) rispetto agli stessi mesi del 2019 che continua anche a ottobre segnando un +58%. Il sito è stato rinnovato la scorsa estate con la tecnologia cloud della piattaforma Storeden, azienda veneta specializzata in Italia per le soluzioni di cloud commerce. Tra le caratteristiche principali le elevate performance di velocità e affidabilità, user experience mobile first (più di due visitatori su tre navigano già sul sito Val D’Oca da smartphone e tablet) e piattaforma scalabile pensata per la multicanalità. Da segnalare la fascia demografica degli utenti: se un tempo l’acquisto online era una prerogativa più per i giovani, si nota un aumento dell’età.

Cantine in rete
Da pochi giorni è online Seccodocg.it, il nuovo portale che riunisce in un’unica vetrina virtuale tutte le cantine che fisicamente producono il prosecco docg a Valdobbiadene. È la prima volta che produttori concorrenti si mettono insieme in unico contenitore che promuova loro e il territorio. «Siamo riusciti a mettere insieme il 90% dei produttori di Valdobbiadene – spiega Gianantonio Tramet, coordinatore del progetto - e ora siamo in grado di aprire le porte a tutti coloro che vogliono partecipare». Fin dai primi giorni erano presenti 72 su 83 cantine a Valdobbiadene con 102 prodotti referenziati già disponibili. Il punto di partenza è che l’emergenza Covid ha cambiato le abitudini e le regole del mercato e per alcune aziende questo si è rivelato un problema. «L’idea è nata durante il primo lockdown – hanno spiegato Nicola De Piccoli e Luca Bello, titolari del locale “Secco”) - su stimolo delle moltissime richieste dei turisti che vengono nel nostro territorio che cercavano anche cantine poco conosciute, ma anche di alcuni nostri produttori che avevano difficoltà ad accedere al mercato perchè non hanno nemmeno un sito». La parte tecnica di realizzo della piattaforma porta la firma di Federico Colbertaldo, ex azzurro del nuoto italiano. «Una piattaforma innovativa, realizzata con le più recenti tecnologie – ha spiegato - che dà la possibilità ai produttori locali di far conoscere il proprio prodotto in un mercato mondiale. I consumatori si sono abituati nella pandemia a usare il commercio online». Una delle peculiarità di seccodocg.it è che il vino può essere ordinato per “cartoni” misti, quindi anche sei bottiglie provenienti da altrettante cantine. Nel sito c’è anche un video con i consigli su come riconoscere un prosecco e le sue caratteristiche; sarà anche possibile anche confrontarsi con il sommelier in modo diretto tramite email.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti