Riconversione

Ex Alcoa, l’alluminio italiano riparte da Portovesme

Sider Alloys ha aperto il cantiere per ammodernare, con un investimento di 150 milioni, lo stabilimento da tempo fermo: la produzione potrebbe partire nel 2022

di Davide Madeddu

default onloading pic
Ingresso dello stabilimento di Portovesme

Sider Alloys ha aperto il cantiere per ammodernare, con un investimento di 150 milioni, lo stabilimento da tempo fermo: la produzione potrebbe partire nel 2022


3' di lettura

Il nuovo corso per l’alluminio made in Italy è già tracciato. E parte da Portovesme, stabilimento Sider Alloys, l’azienda italiana che ha rilevato dall’Alcoa gli impianti per la produzione di alluminio primario, fermi dall’ottobre del 2012. Nello stabilimento del Sud Sardegna, dove i nuovi colori che segnano la svolta sono il bianco e l’arancione, si programmano i lavori per riportare la produzione che avverrà non prima di un anno e mezzo. «Una volta riattivati gli impianti saremo la prima azienda italiana e anche l’unica che lo produce in Italia - dice il direttore generale Eros Brega -. E questa è una sfida importante che ci stiamo apprestando ad affrontare con la massima determinazione, cercando di recuperare il tempo perso».

L’obiettivo, una volta riavviato l’intero sistema produttivo è coprire «il 14-15% del mercato nazionale di alluminio primario che vale circa 2 milioni di tonnellate l’anno». Lo scoglio più insidioso, ossia quello legato alla fornitura dell’energia per far funzionare gli impianti è stato superato. L’azienda ha siglato un contratto di cinque anni più cinque con l’Enel per la fornitura a 49,24 euro a megawattora, una cifra che dovrebbe calare, in virtù di una serie di abbattimenti legati alla cosiddetta interrompibilità e agli oneri indiretti per l’abbattimento della CO2. «Bisogna poi rimarcare che nell’arco di un mese si è chiusa la partita perché l’amministratore delegato Giuseppe Mannina ha depositato una fideiussione da poco meno di 50 milioni».

Loading...

Ora a Portovesme si pianificano gli interventi e si punta alla ricostruzione degli impianti con tecnologie all’avanguardia. Il tutto all’interno di un piano di investimenti rimodulato diverse volte e che vale 150 milioni. Risorse che arrivano in parte da finanziamenti a fondo perduto (7,8 milioni di euro), in parte da finanziamenti a tasso agevolato (84 milioni di euro),il resto dall’Alcoa (20 milioni) e da risorse proprie dell’imprenditore. Alcune opere sono già state avviate e all’interno dello stabilimento lavorano, tra dipendenti diretti e tra quelli della controllata Gms, 73 persone che con l’indotto diventano 116. L’attenzione è tutta per il grosso delle opere che dovranno essere portate a termine nell’arco di un tempo abbastanza breve. L’intervento più importante che porterà avanti la Chinalco riguarda la ricostruzione dell’impianto elettrolitico: l’area è ferma dall’ottobre del 2012 e da ricostruire con tecniche all’avanguardia . Da tempo i tecnici cinesi sono al lavoro per la definizione dei progetti e avviare quindi il programma di ricostruzione. «È la parte più delicata e importante dell’intero sistema produttivo - prosegue ancora -. L’impianto da cui potrà poi uscire l’alluminio primario che dovrà essere di ottima qualità». Il completamento dei lavori è previsto per la fine del 2021. la prima colata di alluminio primario nel gennaio 2022. Attualmente all’interno dell’area industriale sono in corso sia i lavori propedeutici alla ristrutturazione del resto degli impianti produttivi, sia quelli per rendere «l’intero compendio competitivo ed efficiente». Per vedere il primo pezzo di alluminio colato a Portovesme bisognerà attendere poco meno di un anno. «Entro ottobre 2021 - dice ancora Brega - contiamo di vedere la prima colata in fonderia». Attesa dovuta al fatto che l’intero sistema di produzione dovrà essere rivisto e adeguato alle nuove tecnologie. «I nuovi impianti e le tecnologie che saranno impiegate - dice Carla Cicilloni, responsabile del settore ambientale dello stabilimento - ci permetteranno di abbattere le emissioni e di avere una produzione di elevata qualità». L’inserimento delle maestranze all’interno del ciclo produttivo sarà progressivo. «Contiamo di arrivare al completo e a pieno regime a settembre 2023 - prosegue Brega - quando stimiamo di avere 378 dipendenti diretti, 70 addetti alle manutenzioni e la produzione a pieno regime. Complessivamente, tra diretti, indiretti e indotto si supereranno le 700 unità lavorative».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti