ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùACCIAIO

Ex Ilva, ArcelorMittal cambia per salvare il rilancio. Chi è Lucia Morselli, la “dura” ex ThyssenKrupp

La manager che sostituisce Jehl ha guidato il risanamento di Acciai speciali Terni. I timori del sindacato: nessun pregiudizio ma qui la sfida è più complessa

di Matteo Meneghello


default onloading pic

2' di lettura

ArcelorMittal cambia la guida della sua controllata italiana. A gestire il turnaround (e i complicati nodi burocratico-legali relativi agli adempimenti ambientali e al ripristino della piena operatività degli impianti) non sarà più Matthieu Jehl, il manager cresciuto nel «vivaio» del gruppo (proveniva dall’impianto-modello di Gent, in Belgio), ma Lucia Morselli la dirigente che, proprio nell’acciaio, ha gestito con successo un piano di risanamento con Acciai speciali Terni, controllata da ThyssenKrupp.

Cambio improvviso
L’avvicendamento, con decorrenza da martedì 15, è stato comunicato ufficialmente dalla stessa ArcelorMittal Italia. «Vorrei ringraziare Matthieu Jehl per l’importante ruolo che ha svolto nell’aiutare ArcelorMittal a stabilire la propria presenza in Italia - ha detto il ceo di ArcelorMittal Europe Flat Products, Geert van Poelvoorde -. Sono stati compiuti buoni progressi, in particolare nell’implementazione degli investimenti ambientali e nel miglioramento dei processi di produzione, nonostante la difficile situazione esterna». Una scelta improvvisa, come conferma la reazione dello stesso Jehl, che ha affermato di non sapersi dare una spiegazione di questa scelta. A pesare sull’avvicendamento sono le difficoltà del management, insediato da un anno, nel rilancio del gruppo, che ancora perder circa 50 milioni al mese, ed è lontano, anche per ragioni legate al contesto di mercato, da quel recupero produttivo auspicato dal piano industriale. Jehl ha comunque difeso il suo operato. «A quasi un anno di distanza dal completamento dell’acquisizione - ha detto ai rappresentanti dei lavoratori - posso guardare con orgoglio a quanto è stato fatto: abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati,
grazie a un duro lavoro e alla vostra dedizione».

La manager che piace ai tedeschi
Lucia Morselli ha guidato Acciai speciali Terni durante la ristrutturazione del 2014. Una vertenza molto dura, durata 5 mesi, con 36 giorni di sciopero consecutivi da parte dei lavoratori, sfociata in un accordo per l’incentivo all’esodo che ha visto uscire 290 addetti (400 la richiesta iniziale). Proprio i sindacati paventano per l’ex Ilva uno scenario simile. «Non bisogna mai ostentare pregiudizi ma di Lucia Morselli, oltre all’epilogo positivo della vicenda ThyssenKrupp Ast di Terni, non dimentichiamo che per arrivarci abbiamo messo in campo 36 giorni di sciopero a oltranza - ha detto ieri il leader della Fim, Marco Bentivogli -. La sfida è più grande, ma se si vuol rilanciare e ambientalizzare quel sito. Se si pensa di ridimensionare le produzioni e tagliare il personale sapremo come rispondere».

Morselli piaceva anche alla cordata rivale
Morselli era stato anche il nome scelto da Giovanni Arvedi, Cdp, Delfin (la cassaforte di Leonardo Delvecchio) e Jindal per guidare la cordata AcciaItalia, in corsa, proprio contro ArcelorMittal, per rilevare gli asset dell’Ilva in amministrazione straordinaria. «Non esiste forse oggi in Italia una sfida industriale più grande e più complessa di quella degli impianti dell’ex Ilva - ha detto. Sono molto motivata dall’opportunità di poter guidare ArcelorMittal Italia e farò del mio meglio per garantire il futuro dell’azienda e far sì che il suo contributo sia apprezzato da tutti gli stakeholder».

Lucia Morselli - si legge nella nota di ArcelorMittal Italia - è riconosciuta come una delle più importanti manager italiane. Attualmente è membro del consiglio di amministrazione di Essilor-Luxottica, Telecom Italia, Sisal e ST Microelectronics.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...