acciaio

Ex-Ilva,un esposto contro Arcelor: «Straordinari in presenza di cassa integrazione»

Fim, Fiom e Uilm di Taranto hanno presentato un documento alla direzione provinciale dell'Inps

default onloading pic
(REUTERS)

Fim, Fiom e Uilm di Taranto hanno presentato un documento alla direzione provinciale dell'Inps


1' di lettura

Nuovo scontro sulla Cassa integrazione all’ex-Ilva. Fim, Fiom e Uilm di Taranto hanno presentato un esposto alla direzione provinciale dell'Inps in merito alla riduzione del personale tecnologico, decisa da ArcelorMittal, che comporta «di fatto - sostengono i sindacati - una programmazione dello straordinario in presenza di cassa integrazione».

La contesa a Taranto

Secondo le sigle metalmeccaniche, “l'azienda ha introdotto la cassa integrazione per i lavoratori che attualmente lavorano presso impianti in marcia effettuando 21 turni settimanali per garantire una continuità produttiva. Nello specifico, abbiamo riscontrato un ulteriore taglio degli organici tecnologici presso i reparti PLA/2 (Produzione lamiere) e LAF (Laminatoio a freddo) che si aggiungono ad altri impianti dello stabilimento siderurgico». Fim, Fiom e Uilm hanno constatato, «così come denunciato nei mesi scorsi, un aumento delle ore di straordinario in presenza dell'utilizzo dell'ammortizzatore sociale. Tale situazione - concludono - si determina in quanto il lavoratore, definito rimpiazzo dal contratto di secondo livello del 1989, è collocato in cassa integrazione e di fatto è impossibilitato ad effettuare le dovute sostituzioni del lavoratore in malattia/ferie/104/congedi parentali, determinando un aumento dello straordinario non legato a fatti accidentali ma ad una programmazione dello stesso a seguito delle modifiche apportate dall'azienda». Infine, i sindacati riscontrano «che tali scelte hanno prodotto una difficoltà per i lavoratori nell'utilizzo della pausa di refezione prevista dal vigente Ccnl».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti