ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùHOLDING

Exor rileva l’8,87% di Via Transportation

Investiti 200 milioni di dollari nel gruppo di New YOrk, diretto concorrente di Uber nel ride sharing

di Matteo Meneghello

default onloading pic
(REUTERS)

Investiti 200 milioni di dollari nel gruppo di New YOrk, diretto concorrente di Uber nel ride sharing


2' di lettura

Exor mette una fiche sul laboratorio della mobilità urbana della Grande Mela, con un investimento di 200 milioni di dollari per rilevare l’8,87% di Via Transportation. Si tratta di un gruppo newyorkese diretto rivale di Uber nel ride sharing, e che gestisce una piattaforma diffusa in oltre 70 città di 20 paesi capace di fare viaggiare, a oggi, oltre 70 milioni di persone. In base ai termini dell’accordo, Noam Ohana, responsabile di Exor Seeds, il braccio della holding della famiglia Agnelli dedicato alle attività di investimento in società early stage, entrerà nel consiglio di amministrazione di Via, diventando uno degli amministratori della società. Il closing dell’operazione, in attesa del via libera dell’antitrust, è previsto entro giugno di quest’anno.

«In questo momento particolarmente impegnativo, è importante più che mai creare soluzioni innovative per un futuro più sostenibile, guardando oltre questi giorni difficili - ha detto il presidente e amministratore delegato di Exor, John Elkann, sottolineando che la collaborazione - ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo di una tecnologia solida e efficace» nel settore.

Soprattutto in questi tempi difficili, «apprezziamo molto l’impegno di Exor nel sostenere la visione di Via: creare sistemi di mobilità pubblica dinamici e basati sui dati, capaci di offrire ovunque alle comunità servizi di trasporto equi e efficienti», hanno detto i co-fondatori di Via Oren Shoval e Daniel Ramot, sottolineando che «durante questo periodo di emergenza, siamo orgogliosi di applicare la nostra esperienza e la nostra tecnologia per aiutare le città ad ottimizzare le loro reti di trasporto, facilitando lo spostamento di lavoratori considerati essenziali, la consegna di merci e i servizi per le persone in difficoltà».

Via lavora sull’ottimizzazione dinamica, basata sui dati, dei sistemi di mobilità pubblica nelle città di tutto il mondo. Ad oggi 70 milioni di viaggi sono stati effettuati usando la piattaforma di Via, che è presente in oltre 70 città di 20 paesi. Fondata nel 2012, ha iniziato a usare la propria piattaforma tecnologica nel 2013, offrendo un servizio di trasporto condiviso nella città di New York. «L’algoritmo di Via - si legge in una nota - fa incontrare in tempo reale più passeggeri che vanno nella stessa direzione, creando un servizio di autobus molto economico, comodo e di qualità, e mantenendo allo stesso tempi di percorrenza simili a quelli di un taxi private. La piattaforma è in grado di far muovere un gran numero di passeggeri usando una frazione dei veicoli utilizzati dai servizi di ride-hailing: in questo modo si reduce significativamente il traffico urbano, offrendo ai clienti un servizio di mobilità a costi inferiori e di alta qualità.

Exor vende Partner Re

L'addio a Partner Re, l'approfondimento di 24Plus

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...