Mercato

Expo Real, Mapic e Mipim riaprono le porte

di Evelina Marchesini

default onloading pic
(Getty Images)


4' di lettura

Sostenibilità e talento sono le chiavi per rinvigorire le nostre città nelll'era post-Covid e per superare le paure. Questo il messaggio giunto ai delegati della Paris real estate week che si è svolta a Parigi nell'ambito delle manifestazioni Mipim e Propel. Un evento che si è tenuto in forma sia presenziale, nonostante le note difficoltà logistiche, sia online e che mette le basi della volontà di continuare sulla strada degli eventi del settore real estate in forma “fisica” o “ibrida”. Perché, come ha testimoniato il Forum di Previsioni e Strategie di Scenari Immobiliari a Santa Margherita Ligure, a cui hanno partecipato 200 protagonisti dell'immobiliare (la partecipazione è stata chiusa a tale numero per questioni organizzative e sanitarie), i player del real estate manifestano la volontà e la necessità di ricominciare a incontrarsi e confrontarsi. Ecco i prossimi eventi e l'andamento della fiera di Parigi.

Dal Mipim arrivano conferme.
“La Paris real estate week è andata bene, anche dal punto di vista della partecipazione presenziale _ spiega Filippo Rean, direttore del Mipim e del Mapic _ con 1500 partecipanti fisici nei tre giorni dell'evento. Certo non sono i numeri dei Mipim a cui eravamo abituati, ma considerando il momento che stiamo vivendo è stato un successo”. La maggior parte dei partecipanti fisici provenivano dalla Francia e molti relatori si sono presentati a Parigi, incluso l'assessore Pierfrancesco Maran del Comune di Milano, mentre dal resto del mondo si sono collegati ai vari eventi tramite le piattaforme dedicate online. La manifestazione ha ospitato Propel by Mipim, che prima era denominato Mipim Proptech Europe, focalizzandosi sull'urbanizzazione, la digitalizzazione e la sostenibilità. Si sono svolti anche il Mipim Urban Forum, con al centro le città, l'Hospitality Summit e il Gend'Her Breakfast e la designazione e consegna dei 30th Mipim Awards. Cosa succederà al Mapic, che normalmente si tiene in novembre, e al prossimo Mipim? Lo abbiamo chiesto a Filippo Rean.

Il Mapic è confermato.
“Stiamo lavorando al Mapic presenziale _ spiega Rean _ con tutte le precauzioni del caso e la garanzia di partecipazione anche da remoto. E' chiaro che dipendiamo dalle decisioni del Governo francese per quanto riguarda i grandi eventi, ma siamo ottimisti perché a partire dal 31 ottobre tali manifestazioni dovrebbero essere di nuovo consentite. Il condizionale, ovviamente, è d'obbligo in queste circostanze”. L'idea di Reed Midem (gli organizzatori) è di confermare il Retail property event a Cannes a metà novembre, però adattandolo perché ci sarà ovviamente una partecipazione di gran lunga inferiore alle precedenti edizioni. “Ci aspettiamo più chiarezza da parte del Governo nelle prossime due settimane”.

Mipim, sì in marzo.
Allo stesso modo l'organizzazione si è già messa in moto per il Mipim presenziale a Cannes nel marzo 2021, anche in questo caso con adattamenti. Ma come è andata la questione dei rimborsi relativi alla cancellazione del Mipim del marzo 2020, in pieno Covid? Le voci sono state molto diverse. “Purtroppo ho sentito anch'io voci di tutti i tipi _ risponde Rean _ e mi fa piacere fare il punto della situazione. Il Mipim 2020 è stato prima spostato a giugno, poi annullato. Abbiamo quindi dato la possibilità ai nostri clienti di riportare interamente la propria partecipazione al prossimo anno e per i biglietti già emessi abbiamo dato la possibilità di un rimborso anche al 100%. Sui grandi stand, che hanno costi fissi importanti, abbiamo dato l'opzione di riportare tutto al 2021 o di un rimborso cash dell'80%. Chi ha chiesto i rimborsi è già stato pagato. Vorrei sfatare la voce che noi siamo stati coperti da un'assicurazione, perché purtroppo questo non è vero. Come società quest'anno sul Mipim abbiamo avuto un fatturato pari a zero, senza refund di alcun tipo, e i tre quarti dei nostri clienti hanno deciso di spostare tutto all'anno prossimo. Chiaramente per noi è un anno di transizione, come per molti, ma abbiamo una visione di lungo periodo e siamo pronti a ripartire al 100%”. Rean sottolinea poi che il Mipim Russia si è appena svolto fisicamente a Mosca, con una buona partecipazione, solo in leggero calo. Expo

Real alle porte.
Il 14 e il 15 ottobre è confermato Expo Real di Monaco, un “must-to-go”. Quest'anno denominata “The hybrid conference for property and investment” è stata ideata esattamente come un mix tra presenza fisica, con la partecipazione soprattutto degli operatori tedeschi e dei Paesi limitrofi, e piattaforma online. Si terrà all'International Congress Center di Monaco. Il focus è sulle conseguenze del Covid sul real estate, sull'impatto a livello di asset e di innovazione tecnologica del mondo real estate. I tre pilastri di Expo Real 2020 sono le conferenze, che si possono seguire anche online, gli smart spaces (spazi esibitivi) e gli special shows su temi specifici, come la nuova piattaforma “Expo Real Innovation”. I costi? Il digital pass visitors costa 599 euro e dà accesso a tutte le conferenze e i servizi online, l'accesso fisico e digitale per due giorni costa 999 euro e poi c'è la possibilità di un Digital pass student (virtuale) a soli 59 euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati