investitori e clima

Exxon nel mirino di BlackRock e Vanguard per il climate change

di Vitaliano D'Angerio

2' di lettura

BlackRock e Vanguard Group, due fra le più grandi società di gestione al mondo, stanno valutando la possibilità di una pubblica presa di posizione contro il colosso energetico Exxon Mobile durante la riunione annuale degli azionisti del 31 maggio. L’obiettivo è quello di mettere sotto pressione il colosso petrolifero per i rischi collegati ai cambiamenti climatici. Come viene evidenziato dal Wall Street Journal, i due gruppi di risparmio gestito stanno decidendo se esprimersi a favore della proposta di un investitore, che chiede a Exxon di condurre degli «stress test» per verificare le conseguenze, sul valore degli asset, provocate dalla regolamentazione per ridurre i gas serra e dalle nuove tecnologie energetiche.

Stranded assets
È ormai nota la questione degli «stranded assets» fatta emergere dalla società anglosassone Carbon Tracker: sono le riserve di carburanti fossili che non potranno essere estratte e «bruciate» se si vuole contenere nei 2 gradi centigradi il surriscaldamento del pianeta così come stabilito dall’accordo di Parigi Cop21.

Loading...

«Se i più grandi fondi al mondo stanno andando nella direzione segnata dall’accordo di Parigi vuol dire che c’è un ritorno economico e dunque ne vale la pena – sottolinea suor Alessandra Smerilli, componente del comitato etico di Etica Sgr e docente di economia alla Pontificia università Auxilium –. Il presidente Trump, che sta pensando di ripudiare il trattato sul climate change, non può andare contro la storia. E lo dimostrano proprio questi ultimi avvenimenti»

Le valutazioni dei gestori
Exxon ha chiesto agli investitori di esprimere parere contrario alla proposta dell’azionista che ha presentato una mozione per lo stress test. BlackRock non ha ancora preso una posizione definitiva al riguardo: «Non abbiamo ancora deciso cosa votare. Continuiamo a valutare e prevediamo di mantenere l'impegno nei confronti della società», ha dichiarato ai media americani Zach Oleksiuk, responsabile negli States della struttura di stewardship di BlackRock. Anche Vanguard sta decidendo il da farsi e potrebbe schierarsi con Exxon in cambio di alcune concessioni da parte della società come per esempio l’impegno a fornire maggiori informazioni agli investitori.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti