ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConsulenza

EY si rafforza a Bari : triplica gli occupati per gestire l’West Europa

di Vincenzo Rutigliano

3' di lettura

La Puglia sempre più attrattiva nel digitale con Ernst&Young che ha deciso di investire ancora su Bari, triplicando il numero degli occupati, da 500 a 1500, per gestire Europe West, la rete con cui serve 25 Paesi di quell’area. Per questo EY allarga il centro di competenze barese avviato 3 anni fa e con il Politecnico del capoluogo lavora a un’Academy per inserire nuovi professionisti nel mercato del lavoro, con una prospettiva internazionale. Dopo i primi 500 già occupati, il gruppo leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, assistenza fiscale e legale, transaction e consulenza, punta dunque a triplicare il numero degli addetti e, allo stesso tempo, allarga spazi immobiliari e modelli di competenze utili alla sua clientela.

Dunque una doppia manovra: allargamento internazionale della sfera di business servita da Bari ed un progetto di lungo termine che prevede di lavorare in ecosistema con istituzioni, aziende e giovani talenti. EY desinerà agli spazi della sede di EY Business & Technology Solutions di Bari tutte le competenze locali, del territorio che individuerà, formerà e valorizzerà, confermando l’attrattività dell’ICT pugliese.

Loading...

Come confermano i numeri del settore: 4.903 imprese di ogni dimensione, 13.500 addetti, export nel 2021 di circa 120 milioni, tutti dati che la regione Puglia ha illustrato a Dublino nel corso della Dublin Tech Summit 2022 di metà giugno scorso. «Nel 2021 il Sud – spiega Massimo Antonelli, ceo di EY in Italia e coo di EY Europe West che spiega anche così la scelta di puntare sulla Puglia – è cresciuto anche in termini di investimenti dall’estero, dato che conferma quanto il territorio sia pronto a correre, ma anche quanto sia importante il contributo delle aziende al sistema Paese».

EY deve fare i conti, al pari di altri gruppi internazionali e nazionali sbarcati a Bari negli ultimi anni, come delle pmi dell’ICT stabilmente inserite nella regione da decenni, con una domanda di competenze professionali digitali soddisfatta solo in parte dal sistema universitario trga la Statale ed il Politecnico. Per questo la formazione dei talenti è decisiva anche per mantenere uno sviluppo sostenibile del business nel tempo. La crescita molto forte della domanda di personale esperto – vi sono molti rientri di professionisti dal Nord ed una dinamica salariale molto vivace – rende necessario investire oggi sui giovani e sulla loro formazione in modo da creare le future generazioni di professionisti. Per questo EY ha rinnovato la già forte e consolidata collaborazione con il Politecnico di Bari - diventata la prima università in Italia e 124esima al mondo per il numero di citazioni di ricercatori, secondo la “QS world university rankings 2023” - supportando e co-creando progetti di formazione volti ad aiutare i giovani nella loro crescita professionale e nello sviluppo delle proprie competenze, in particolare nell'ambito della digital transformation. Da qui l’avvio di EY con il Politecnico di un’Academy per fare insieme – spiega il Rettore, Francesco Cupertino – «formazione post-laurea per giovani talenti e formazione continua per professionisti; favorire integrazione di competenze tra accademia e imprese; orientare, attraverso un osservatorio sul mercato del lavoro, ricerca e formazione. Questa realtà, che mettiamo a disposizione del territorio, sarà inoltre aperta a nuovi ingressi, in linea con la nostra strategia di collaborazione pubblico-privato, per raggiungere i comuni obiettivi di sviluppo».

EY si muove anche sul piano formativo immediatamente precedente quello universitario. Così da settembre 2022, e per tutto l’anno scolastico, EY realizzerà un programma di mentoring nelle scuole superiori della regione. Insieme ai docenti del Politecnico verranno realizzate sessioni di formazione su tematiche di Analytics e Digital con lo scopo di creare un percorso di orientamento diretto per i giovani.

Il programma riconosce anche cfu extra-formativi, permette di anticipare il test di ammissione all’università, agevolando il percorso universitario sin dalla scuola superiore, e prevede apprendistati professionalizzanti all'interno dell’hub barese.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti