secondo trimestre

Facebook, conti sopra le attese: salgono ricavi (+28%) e utenti (+8%)

Facebook batte le attese degli analisti con i conti del secondo trimestre dell'anno, dando segnali di robusta crescita del gruppo agli investitori

di Marco Valsania


Facebook patteggia, paghera' sanzione di 5 miliardi di dollari

2' di lettura

New York - Facebook batte le attese degli analisti con i conti del secondo trimestre dell'anno, dando segnali di robusta crescita del gruppo agli investitori. E lo fa nello stesso giorno nel quale e' scattata la sanzione record da 5 miliardi di dollari delle autorita' americane per violazioni della privacy e mentre vengono annunciate nuove inchieste antitrust contro tutti i colossi dell'hi-tech. Nel dopo mercato il titolo ha risposto guadagnando il 3,5 per cento. Da gennaio e' in rialzo del 54 per cento.

PER APPROFONDIRE / Privacy, Facebook paga 5 miliardi e promette cambiamenti radicali

Facebook ha riportato utili per azione, esclusi oneri straordinari anzitutto relativi alla multa federale comminata dalla Ftc, pari a 1,99 dollari contro gli 1,88 pronosticati alla vigilia. I profitti netti sono stati di 2,6 miliardi, 0,91 centesimi per azione, rispecchiando un onere da due miliardi legato la sanzione e altre voci relativi a modifiche contabili. Le entrate sono lievitate del 28% a 16,9 miliardi, rispetto ai 16,5 miliardi attesi.

LEGGI ANCHE / Antitrust Usa apre una grande inchiesta su Big Tech

Gli utenti attivi quotidiani dei servizi “core” di Facebook e di Messenger sono stati in linea con le previsioni, aumentati dell'8% a 1,59 miliardi, e quelli mensili attivi hanno raggiunto i 2,41 miliardi, a loro volta come anticipato e in rialzo dell'8 per cento. Le entrate medie per utente sono lievitate oltre le attese, a 7,05 dollari invece dei 6,87 dollari ipotizzati. Complessivamente il gruppo ha riportato oltre 2,7 miliardi di utenti al mese una volta considerate tutte le sue app.

Le sfide non sono pero' finite. Nel comunicare il bilancio, il re dei social network ha rivelato di aver ricevuto notifica formale di una nuova indagine antitrust avviata dalla stessa Ftc che si affianca a quella appena resa nota dal Dipartimento della Giustizia e che riguarda tutti i protagonisti dell'economia digitale per esaminare eventuali pratiche monopolistiche. Intanto, come parte della sanzione da 5 miliardi gia' resa nota in queste ore proprio dalla Ftc, Facebook dovra' gia' rendere piu' severi i suoi controlli sulla protezione della privacy, creando un comitato indipendente per il rispetto degli obblighi e certificando trimestralmente le sue pratiche (con firma personale dello stesso Ceo Mark Zuckerberg). I critici di Facebook avevano chiesto provvedimenti piu' severe, comprese sanzioni per Zuckerberg e stringenti limiti alla raccolta e gestione dei dati da parte del gruppo. Una richiesta che potrebbe trovare spazio durante le nuove indagini antitrust.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...