ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùnon solo bitcoin

Facebook e Jp Morgan lavorano alla loro criptovaluta: ecco come funzionerà la «stablecoin»

di Pierangelo Soldavini


Criptovalute: cosa sono le stablecoin di Facebook e Jp Morgan?

3' di lettura

Una cinquantina di ingegneri e informatici sta lavorando in gran segreto a Menlo Park, sotto la guida di David Marcus, l’ex presidente di PayPal, in un ufficio isolato, con un apposito badge, in modo che nessun altro dipendente possa sbirciare. La squadra è impegnata a mettere a punto il progetto che potrebbe essere il fulcro della nuova Facebook: una criptovaluta che permetterà agli utenti di WhatsApp - che di Facebook è una controllata, destinata a integrarsi nella piattaforma unica delineata da Mark Zuckerberg - di scambiarsi denaro in tempo reale con amici e familiari come ci si invia un messaggino.

Jp Morgan ha annunciato un paio di settimane fa di avere in cantiere un piano per spostare su blockchain i pagamenti tra i propri clienti: è la prima banca di Wall Street a rompere il ghiaccio con un mondo guardato finora con grande diffidenza dalla grande finanza. Le cifre in gioco sono enormi. Jp Morgan da sola muove ogni giorno 6mila miliardi di dollari nei movimenti wholesale, Facebook potrebbe anche ambire ad andare all’attacco del mercato globale delle rimesse crossborder, sui 500 miliardi di dollari l’anno.

I due colossi potrebbero riuscire laddove le startup di bitcoin hanno finora fallito: fare diventare mainstream l’universo alternativo delle criptovalute. E ci provano con lo stesso strumento, le stablecoin, valute digitali agganciate a un bene fisico, solitamente a una valuta fiat, che ne garantisca la stabilità: i vantaggi delle criptovalute senza l’altissima volatilità. Se Jpm Coin sarà legato alla parità con il dollaro, il FaceCoin, stando al New York Times, sarà agganciato a un basket di valute. «L’esperimento delle stablecoin offre la grande opportunità di superare una grossa barriera all’adozione delle criptovalute: eliminando la grande volatilità di questi strumenti si amplia l’utilizzo pubblico sfruttandone le potenzialità in termini di trasparenza e programmabilità, alla fin fine riscoprendo il vero valore della disintermediazione», spiega Francesco Bruschi, docente di Informatica del Politecnico di Milano.

«La stablecoin dimostra che la blockchain è adatta per far circolare effettivamente il denaro su internet, all’insegna della discontinuità con un sistema finanziario che mostra crepe evidenti e un deficit di fiducia: nasce un grande fermento per sfruttare le potenzialità di una tecnologia che offre un elevato grado di libertà», aggiunge Christian Miccoli, Ceo di Conio, startup attiva nelle criptovalute. Di fatto la criptovaluta che sfida l’altissima volatilità di bitcoin funziona come una sorta di cambiale , un “Iou” con cui un soggetto garantisce che restituirà a richiesta della controparte un dollaro in cambio del token. Ne esistono già diverse di valute di questo genere: la più famosa è Tether, garantita, in linea teorica, da riserve equivalenti in dollari, ma finita nella bufera per i sospetti di truffa. È chiaro che Jp Morgan o Facebook hanno un altro livello di affidabilità, ma in ogni caso si tratterebbe di token “privati”, che ruotano di nuovo attorno a un attore centrale, rinnegando il principio di base del bitcoin.

Esistono invece sperimentazioni di stablecoin che riproducono appieno un sistema decentralizzato, come MakerDao, con uno schema complesso di due valute, il Dai, stabilizzato sulla base di un tasso d’interesse collegato a un altro token, il Maker. Di fatto l’esperimento si trasforma in «una simulazione per verificare su scala consistente e realistica l’efficacia di politiche economiche e monetarie», spiega Bruschi.

I potenziali campi di applicazione delle stablecoin? Potenzialmente infiniti. «I casi d’uso che stanno emergendo - aggiunge Miccoli di Conio - mostrano un chiaro vantaggio per l’emittente, quello di una raccolta supplementare a costo zero. Ma i benefici per il consumatore dipenderanno dall’implementazione: posso immaginare che nel prossimo futuro saranno emesse centinaia di stablecoin, con regole e finalità diverse, poi alla fine la selezione sarà sulla base delle funzionalità che emergeranno». E non è escluso che lo possa fare uno Stato, come la Svezia con il suo progetto di e-krona, oppure che nascano progetti simili al Jpm Coin all’interno del sistema bancario.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...