carbon tax

Far pagare la CO2 riducendo le tasse sul lavoro: in gioco 200 miliardi di euro

Partita una raccolta di firme per la presentazione a Bruxelles di una proposta di carbon pricing per ridurre le energie da fonti fossili

di P.Sol.

Reuters

2' di lettura

Di carbon tax si è tornato a parlare nella Ue come una delle ipotesi più accreditate per finanziare i bond europei che andranno ad alimentare il Recovery Fund straordinario per il sostegno delle economie più colpite dalla pandemia del Covid-19. Per il momento però non c'è nulla di certo, neanche il fondo stesso che deve essere ancora definito e approvato dal Consiglio.

Di certo c'è invece il forte rimbalzo di emissioni e inquinamento a livello globale all’indomani della ripartenza dell’attività economica in tutto il mondo: dopo la contrazione senza precedenti - alcune stime parlano di una caduta del 17% rispetto a un anno fa - le emissioni di gas serra sono tornate sui livelli precedenti in Cina e anche l’Europa sembra sulla stessa strada.

Loading...

Per di più la flessione dei prezzi petroliferi rende più competitive le fonti fossili rispetto alle rinnovabili, con il rischio che gli investimenti tornino a premiare le energie più inquinanti.

La Ue sembra intenzionata a tenere la barra dritta sulla Green economy come base di rilancio dell’economia continentale. Se la carbon tax per il momento è solo un’ipotesi, sul tavolo c’è un'iniziativa formale per spostare le imposte dalle persone all'ambiente, tassando le emissioni di CO2: chi emette anidride carbonica in Europa pagherebbe un prezzo a tonnellata e il ricavato andrebbe a beneficio dei lavoratori, con una riduzione delle tasse nella busta paga.

La proposta fissa un prezzo iniziale di 50 euro per tonnellata di CO2 fino ad arrivare a 100 euro nell'arco di 5 anni, con un gettito potenziale della misura di carbon pricing, considerando il livello di emissioni del 2017, di circa 200 miliardi considerando le emissioni già coperte dall’Ets (emission trading system) e le emissioni non coperte , il restante 55%.

L’idea, supportata da 27 Premi Nobel e da migliaia di scienziati, viene proposta come strumento per proteggere l’ambiente e combattere il climate change senza abbandonare l’economia di mercato. «Senza una spinta forte dell’opinione pubblica - commenta Alberto Majocchi, professore emerito di Scienza delle Finanze all’Università di Pavia - sembra difficile l’introduzione di un prezzo sul carbonio, che avrebbe un duplice effetto positivo: da un lato, promuovere l’energy saving attraverso un aumento del prezzo dei combustibili e, dall’altro, favorire il fuel switching grazie a una variazione dei prezzi relativi fra combustibili fossili e energie rinnovabili».

L’iniziativa Stop Global Warming nasce da Marco Cappato, fondatore del movimento di cittadini europei sullo sviluppo sostenibile “Eumans”, insieme a Majocchi e Monica Frassoni, co-presidente del Partito Verde Europeo. La campagna, lanciata in occasione della Giornata mondiale della Terra il 22 aprile scorso, punta a raccogliere un milione di firme entro il 20 luglio per poter essere presentta alla Commissione e discussa al Parlamento europeo.

«Tutti invocano una ripresa sostenibile, ma ciò non accadrà in assenza di misure precise e vincolanti per disincentivare le emissioni di CO2 - sostiene Cappato -. Di fronte alla contrarietà di alcuni Governi, l’iniziativa per la fissazione di un prezzo minimo alle emissioni rappresenta la proposta oggi più concreta per coniugare sviluppo economico e lotta ai cambiamenti climatici».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti