MATRICOLE

Farmafactoring vale in Borsa 800 milioni

di Carlo Festa


default onloading pic

2' di lettura

Banca Farmafactoring procede a vele spiegate verso l'Ipo. BFF Banking Group ha concluso il collocamento, rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali, delle azioni ordinarie di Banca Farmafactoring (BFF) finalizzato alla quotazione sul Mercato Telematico Azionario,, organizzato e gestito da Borsa Italiana. Il collocamento dell'azienda controllata dal fondo internazionale Centerbridge ha avuto ad oggetto 530mila azioni ordinarie di Bff (53.000.000 a esito dell'entrata in vigore del nuovo statuto di BFF alla data di avvio delle negoziazioni, che prevede il frazionamento delle attuali Azioni nel rapporto 1:100), poste in vendita da BFF Luxembourg S.à r.l, corrispondenti al 31,16% (senza tener conto dell'eventuale esercizio dell'opzione greenshoe) del capitale sociale. Il prezzo di offerta delle azioni è stato fissato in 4,70 euro per azione. Sulla base del prezzo di offerta, la capitalizzazione della società, leader nel mercato dei crediti sanitari, che opera in italia, Spagna e Portogallo nella gestione e nello smobilizzo del credito verso le Aziende Sanitarie Locali, degli ospedali e della Pubblica Amministrazione, sarà pari a circa 800 milioni di euro. Il ricavato complessivo derivante dal collocamento istituzionale e di spettanza esclusiva dell'azionista venditore Centerbridge, tenuto conto del Prezzo di Offerta e al lordo delle commissioni riconosciute nell'ambito del Collocamento Istituzionale, senza tenere conto dell'eventuale esercizio dell'opzione greenshoe, è pari a circa 250 milioni. Nell'ambito dell'Offerta, i Coordinatori dell'Offerta hanno preso a prestito dall'azionista venditore 53.000 azioni (n. 5.300.000 ad esito dell'entrata in vigore del nuovo statuto di BFF alla data di avvio delle negoziazioni) ai fini di sovra-allocazione nell'ambito del Collocamento Istituzionale. La data di inizio delle negoziazioni sul Mercato Telematico Azionario, previa verifica da parte di Borsa Italiana della sussistenza dei requisiti di capitalizzazione e diffusione tra il pubblico, è attesa per venerdì 7 aprile 2017. Mediobanca – Banca di Credito Finanziario, Morgan Stanley e Deutsche Bank AG, London branch hanno agito in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners; BNP Paribas, Jefferies International Limited e UniCredit Corporate & Investment Banking hanno agito in qualità di Joint Bookrunners; Banca Akros ha agito in qualità di Co-lead Manager. Gli studi legali Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners e White & Case sono stati gli advisor legali di BFF; Linklaters e Santa Maria Studio Legale Associato sono stati gli advisor legali dell'Azionista Venditore; Clifford Chance è stato advisor legale dei Joint Global Coordinators e dei Joint Bookrunners; lo Studio legale Tributario Di Tanno e Associati è stato advisor fiscale dell'operazione. PricewaterhouseCoopers è la società di revisione incaricata.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...