I servizi online dell’Istituto di previdenza

Fascicolo pensioni, assegno figli e bonus bebè: cosa cercano gli utenti sull’app Inps

Negli ultimi tre anni è cresciuto sensibilmente, anche causa dell'emergenza-Covid, l'accesso ad App mobile, sito istituzionale e canali social dell'Istituto previdenziale. I “download” sono saliti da 1,6 a 3,5 milioni mentre le visite al sito hanno superato quota 912 milioni nel novembre 2021. Sul bonus nido il video tutorial più visto

di Marco Rogari

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

Una sorta di caccia grossa in formato “online” ai dati e alle prestazioni fornite dall'Inps. È quella alimentata da una fetta sempre più cospicua di lavoratori e contribuenti, anche per l'incalzare dell'emergenza pandemica. Con l'App mobile dell'Istituto utilizzata prevalentemente per avere informazioni sullo stato dei pagamenti dei trattamenti erogati e sugli esiti delle domande della Naspi, oltre che per consultare la “corrispondenza”. E con il sito istituzionale considerato la corsia preferenziale per accedere al fascicolo previdenziale, al cedolino della pensione e ai servizi alla famiglia: dal reddito di cittadinanza fino all'assegno temporaneo per i figli minori. Che è anche il tema del secondo video tutorial più gettonato nel 2021 (il 10,1% del totale delle visualizzazioni), preceduto da quello sulla compilazione della domanda del bonus bimbi (il 30,4%) e seguito dall'Isee precompilato (il 6%). A fotografare l'andamento nell'ultimo triennio dei comportamenti dei nuovi cittadini digitali e ad analizzare richieste e aspettative degli “utenti Inps” è uno specifico dossier elaborato dalla direzione studi e ricerche dell'ente previdenziale.

Con il Covid oltre i 3,5 milioni i download dell'App Inps mobile

Tra il 2019 e il 2020, quando è scattata l'emergenza Covid, gli accessi all'applicazione Inps Mobile (per smartphone e tablet) e più che raddoppiata. Con i download saliti da 1,6 milioni a 3,5 milioni. E nell'analisi che è stata effettuata dalla direzione studi e ricerche dell'ente, guidata da Daniele Checchi, emerge che anche lo scorso anno il trend è risultato in crescita (2,6 milioni gli accessi al 22 novembre 2021) , come conferma il valore medio giornalieri (oltre 657mila, contro i 644.580 del 2020 e i 321.626 del 2019)

Loading...

L'App preferita per lo stato dei pagamenti, le domande Naspi e il bonus nido

I servizi forniti con l'App sono per la quasi totalità di tipo informativo. Nell'ultimo triennio è risultata prevalente la percentuale di utilizzo di servizi di tipo generalista, come quelli sullo “stato dei pagamenti “ (il 33,8% degli accessi nel 2019 e il 16,7% nel 2021), sugli “esiti domanda Naspi” (il 13% delle visite nel 2019, il 21% nel 2020 e circa il 17% nel 2021). Dall'andamento degli accessi emerge un interesse crescente per il “bonus nido” e il “reddito di cittadinanza”

Il fascicolo previdenziale è il “click” più gettonato sul sito istituzionale Inps

I volumi di accesso sono risultati cinque volte più intensi rispetto all'App e sono saliti dagli oltre 555milioni del 2019 ai 912,9 milioni del novembre dello scorso anno, con una media giornaliera lievitata da 1,52 milioni a 2,5 milioni. Le visite autenticate attraverso l'uso di credenziali è stato di 243,8 milioni nel 2019, 392,1 milioni nel 2020 e 330,2 milioni fino a inizio novembre 2021. E in questo caso i servizi più richiesti sono stati il fascicolo previdenziale (dai 67,7 milioni di accessi del 2019 ai 126,2 milioni l'anno successivo e ai 107,5 milioni del novembre 2021) e il cedolino della pensione. Al terzo posto della graduatoria il reddito e la pensione di cittadinanza (le 13milioni di visite del 2019 sono lievitate a 27milioni a novembre dello scorso anno)

Bonus nido e assegno temporaneo ai figli in cima alla top ten dei video tutorial

Da tempo l'Istituto presieduto da Pasquale Tridico ha reso disponibili sul proprio portale web alcuni video tutorial per agevolare l'utenza nella compilazione delle domande. Circa la metà delle visualizzazioni si concentra su tre voci: bonus nido 2021 (il 30,4%), assegno temporaneo per i figli (10,1%), Isee precompilato (6%). Al quarto posto il tutorial sul servizio automatico di prenotazione agli sportelli Inps e al decimo quello su “la pensione: il sistema contributivo”.

Sui social i “preferiti” sono pagamenti, assegno temporaneo e bonus bebè

L'Inps è rappresentato anche su cinque canali “social”: Facebook, Twitter, Linkedin, You Tube, Instagram. E anche su questo versante risultano in crescita visualizzazioni, interazioni e follower. Con una impennata nel 2020 legata, come si legge nel dossier, soprattutto all'impatto della pandemia. Le richieste trasversali più frequenti hanno riguardato i pagamenti dei diversi trattamenti, la pubblicazione di nuove procedure e le scadenze per la presentazione delle domande. Mentre le prestazioni tradizionali per le quali si sono rivelate più frequenti le richieste via social sono state l'assegno temporaneo per i figli (post più piaciuto su Facebook nel 2021 con 1.693 like e video più piaciuto su You Tube), il bonus bebè, il bonus nido, il bonus baby sitting e il Reddito di cittadinanza.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti