arrivo in tempo

Fase 2 senza code: il sistema gratuito ideato da sette amici-professionisti

Un progetto pro bono da donare alla comunità: le persone possono riservare il posto in fila restando a casa fino all’ultimo momento

18 maggio: ecco l’Italia che riapre

Un progetto pro bono da donare alla comunità: le persone possono riservare il posto in fila restando a casa fino all’ultimo momento


3' di lettura

Sette professionisti, il lockdown, un’idea altruista e senza scopo di lucro per aiutare la ripartenza. Potrebbe essere la storia breve di Arrivo in Tempo, una nuova piattaforma che offre un servizio gratuito di prenotazione del posto in fila in negozio, nata dalla creatività di un gruppo di professionisti in lockdown con le proprie famiglie.

Sette professionisti insieme

«È nato tutto tra marzo e aprile, durante l’isolamento forzato, costruendo il progetto nel corso di videochiamate a ogni ora del giorno e della sera». A raccontare è Assunta Corbo, giornalista, una dei sette amici-professionisti che hanno deciso di dare vita a questa iniziativa. L’idea è venuta all’imprenditore Francesco Palagiano che ha progettato e realizzato la piattaforma condividendone i valori con Valentina Coradeghini, product manager, Tiziano Saitta, direttore creativo, Riccardo Botta, direttore production broadcast&creative, Carmine Renzulli, graphic design manager, Michela Orlando, agente in attività finanziaria nel mondo retail e, appunto, Assunta Corbo.

Evitare le perdite di tempo in coda

«Anche io come tutti gli italiani mi sono trovato a fare la spesa per la mia famiglia nel rispetto delle distanze sociali e facendo una lunga fila – racconta Palagiano – ed è stato proprio mentre mi sono trovato in coda per circa tre ore che mi sono chiesto come avremmo vissuto questa abitudine nella fase 2 e in quelle successive. Ci dicono gli esperti che dovremo convivere con questo virus per molto tempo e ci dovremo adeguare a una nuova normalità. Sicuramente una delle attività che subirà grandi cambiamenti è quello dello shopping o della spesa per la famiglia. Così è nata l’idea di realizzare un progetto pro bono da donare alla comunità: un servizio che potesse aiutare le persone a riservare il posto in fila offrendo la possibilità di restare a casa fino all’ultimo momento».

Un sistema senza scopo di lucro

In pratica, aggiunge Assunta Corbo, «tu sei a casa comodo, prenoti il tuo posto in fila e ti presenti in negozio all’ora indicata entrando subito». Quello messo a punto dal gruppo di professionisti non è certo l’unico sistema di prenotazione, ma questo ha una particolarità, è gratuito sia per i negozianti che per i clienti: l’iniziativa non ha scopo di lucro. «Ci piace pensare che sia un progetto di generosità circolare: noi abbiamo avviato la strada ma è grazie ai punti vendita che lo adottano e agli utenti che lo utilizzano che può essere ancora più di aiuto. L’obiettivo è far rispettare le distanze sociali garantendo quindi la sicurezza dei cittadini ma anche la serenità nel fare i propri acquisti. Più persone lo usano più sarà semplice gestire le visite in negozio» aggiunge Palagiano.

Adottato da un gruppo francese

Arrivo In Tempo è partito con la fase 2, avviata dal Governo lo scorso 4 maggio e, a oggi, è stato adottato da Kiabi, gruppo francese di distribuzione di abbigliamento. L'azienda, che ne condivide i valori, ha scelto il servizio per garantire la sicurezza dei propri clienti. Attualmente lo sta utilizzando nei suoi punti vendita di Corsico (MI) e Livorno e testando negli altri negozi in Italia.

Come funziona

Il processo, che si svolge su una piattaforma, senza alcuna app da scaricare, si sviluppa in 3 fasi:
Cerca. Si decide il giorno e l’ora in cui organizzare i propri acquisti e si seleziona il punto vendita preferito o più comodo presente tra i negozi partner. Il sistema fornisce l’orario disponibile più vicino a quello richiesto. Questo viene definito dal sistema in base al numero di persone previste in coda per quel giorno e a quell’ora.
Prenota. Se l’orario fornito è compatibile con le proprie necessità si può decidere di mettersi in coda virtualmente. Il sistema manda una mail di conferma orario con un QR Code che va conservato. Due ore prima dell’orario indicativo fornito, viene comunicata l’ora effettiva di ingresso nel punto vendita. All’utente basterà muoversi da casa il tempo necessario per arrivare in tempo per i suoi acquisti.
Arriva in Tempo. Si arriva sul punto vendita e si mostra il proprio QR Code al personale che si occupa degli ingressi. Una volta registrato l’accesso, il sistema calcola l’eventuale ritardo accumulato e ricalcola gli orari d’ingresso per i clienti successivi e comunica loro quando presentarsi in negozio.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...