L’EMERGENZA SANITARIA

Fase 2 in due step, si parte con le aziende

Il secondo passo sarebbe una rimodulazione delle misure per spostamenti e uscite. Sarebbe questo l'orientamento emerso nel corso del vertice tra il premier Conte e i tecnici in vista della scadenza del Dpcm con le misure restrittive

Coronavirus, tamponi drive-in: i test si fanno in auto

Il secondo passo sarebbe una rimodulazione delle misure per spostamenti e uscite. Sarebbe questo l'orientamento emerso nel corso del vertice tra il premier Conte e i tecnici in vista della scadenza del Dpcm con le misure restrittive


2' di lettura

La scadenza del 13 aprile prevista dall’ultimo decreto del presidente del Consiglio si avvicina e il Governo ragiona in queste ore su che cosa fare da martedì 14.

Sarà in due step la “Fase 2”: il primo riguarderebbe piccole aperture per le attività produttive, mentre il secondo interesserebbe una rimodulazione delle misure per spostamenti e uscite.

Sarebbe questo l'orientamento emerso nel corso del vertice tra il premier Conte e i tecnici in vista della scadenza del Dpcm. In ogni caso non sarebbero ancora state ipotizzate date e la linea ribadita sarebbe quella della «gradualità e prudenza» nelle riaperture.

«La curva ha un andamento positivo - è emerso nel corso dalla riunione - ma basta poco perché risalga. Non bisogna - è la linea - abbassare la guardia».

Graduale apertura per alcuni settori del manifatturiero
Il parametro da prendere in considerazione è, come spiegato in più di un’occasione, la curva dei contagi: se continuerà a scendere, una prima apertura potrebbe scattare già da metà aprile. Potrebbero essere coinvolte quelle filiere produttive dove si può far garantire il distanziamento tra i lavoratori con obbligo di mascherina. Potrebbero rientrare alcuni settori del manifatturiero come la meccanica, l’edilizia e il commercio (laddove possibile).

Al contempo, si potrebbero prendere in considerazione due criteri. Il primo: quelle delle aree geografiche, dando la priorità all’apertura di quelle zone in cui il coronavirus ha fatto meno contagi. Il secondo: l’età, con anziani e persone più fragili che rimarranno sotto tutela.

4 maggio data cruciale
Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, la data cruciale potrebbe essere il 4 maggio. Cruciale in quanto l’allentamento delle misure restrittive potrebbe interessare anche le persone: per quella data potremmo tornare a uscire, rispettando la regola del distanziamento e indossando le mascherine, come accade allo stato attuale in Lombardia.

Per approfondire:
Tamponi drive-in
Caccia al virus tra screening di massa e test per i lavoratori

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...