telecomunicazioni

Fastweb e Linkem annunciano alleanza per reti 5G via radio

I primi servizi inizieranno a essere commercializzati nella seconda metà del 2020

di Andrea Biondi


default onloading pic
(ZUMAPRESS.com / AGF)

2' di lettura

Fare sinergia per risparmiare sugli investimenti necessari, migliorando il risultato finale e anticipando i tempi. Fastweb e Linkem hanno annunciato lunedì un’intesa per accelerare la realizzazione delle loro rispettive reti 5G fixed wireless (Fwa). Che saranno due, distinte, ma con un accordo di wholesale reciproco che consentirà a Fastweb di utilizzare la rete Linkem e viceversa.

Con l’intesa viene messa agli atti una collaborazione, che non è la prima, fra operatori tlc nella realizzazione di quella rete considerata la quintessenza di un futuro fatto di nuovi importanti servizi (dalla chirurgia a distanza, alla realtà aumentata, alla smart agriculture) abilitati da velocità superiori al Gigabit e da una latenza (il lasso di tempo che intercorre fra input e risposta) in millisecondi.

Proprio Fastweb ha già raggiunto un accordo con Wind Tre per la realizzazione di una rete condivisa 5G, ma si parla di rete mobile e non di Fwa come nel caso di Fastweb-Linkem. Altro importante esempio di collaborazione legata al 5G è l’intesa fra Tim e Vodafone che stanno puntando a condividere in un’unica società (Inwit) le loro torri di trasmissione.

«Metteremo tutto il nostro impegno nella realizzazione di una rete 5G Fwa all’avanguardia nelle aree grigie del Paese e grazie a questo accordo saremo in grado di estendere significativamente e in tempi rapidi i servizi gigabit offerti ai clienti», commenta l’ad Fastweb Alberto Calcagno. «L’accordo con Fastweb conferma il ruolo pionieristico di Linkem nello sviluppo di reti Fwa ad alta capacità, nonché il ruolo cruciale che la tecnologia wireless fissa svolge come reale alternativa infrastrutturale per la fornitura di servizi a banda ultralarga nel mercato italiano», afferma dal canto suo il ceo Linkem, Davide Rota.

La banda ultralarga con l’ultimo miglio coperto grazie alle frequenze radiomobili e non alla fibra rappresenta la scommessa di Fastweb che proprio grazie all’Fwa - da realizzare sfruttando le frequenze 5G che possiede dopo averle acquistate all'asta di ottobre 2018 (in parte) o di cui dispone perché acquisite da Tiscali - ha comunicato di voler portare a 16 milioni le case raggiunte dall’ultrabroadband entro il 2024.

L’accordo con Linkem permetterà di anticipare di un anno i target: al 2023. Basilare l’accesso reciproco alle due reti - realizzate con le frequenze a 3.5 GHz di Linkem e quelle 26 GHz di Fastweb - per aumentare copertura e potenza dei servizi. Per la controllata di Swisscom un particolare vantaggio sarà utilizzare i siti su cui già opera l’azienda guidata da Davide Rota - controllata da Jefferies (52,9%) oltre che partecipata da Cowen-Ramius (28,4%) e BlackRock (6,5%) - che ha chiuso il 2018 con 122,5 milioni di ricavi ed è già proprietaria di una rete di accesso wireless che serve 650mila clienti residenziali, con copertura del 70% del territorio nazionale. L’accordo riguarderà le aree grigie: quindi non le 40 principali città italiane, ma neanche le zone in digital divide. I primi servizi inizieranno a essere commercializzati nella seconda metà del 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...