ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùI dati Mef

Fattura elettronica, boom da ripresa: 253 miliardi in più fino a giugno

Nel primo semestre 2021 la crescita dell'imponibile Iva corrisponde a quasi l’80% della perdita registrata in tutto lo scorso anno. I settori trainanti sono edilizia, estrazione di minerali e manifatture

di Marco Mobili e Giovanni Parente

Iva fattura in eccesso: quali rimedi per salvare la detrazione. Il webinar di Modulo 24 Iva

3' di lettura

Tra le spie della ripresa c’è anche la fatturazione elettronica. L’imponibile Iva del primo semestre 2021 di imprese e professionisti ha toccato quasi i 253 miliardi di euro. Il che vuol dire che con il primo semestre di quest’anno il popolo delle partite Iva ha recuperato circa l'80% di quanto perso nell’intero 2020, quando l’imponibile Iva registrato dalle e-fatture ha toccato un pesante -315,9 miliardi. È quanto emerge dall'ultimo rapporto sulla fatturazione elettronica pubblicato sul sito del Dipartimento delle Finanze.

Imponibile su del 21%

Dai dati sulle fatture elettroniche emesse e ricevute da società e persone fisiche emerge che nel semestre la crescita dell'imponibile Iva si attesta al 21,3% in leggera frenata rispetto alla primavera scorso quando ad aprile, con le prime riaperture delle attività, l'imponibile era cresciuto di quasi il 68% rispetto ai primi quattro mesi del 2020, caratterizzato dal primo e più rigido lockdown.

Loading...

La fotografia scattata con i dati della fatturazione del primo semestre ma aggiornati al 23 agosto 2021, fa emergere che l’incremento è stato più significativo per le persone fisiche (+24,1%) rispetto alle persone non fisiche (+21,2%).

La spinta dei bonus edilizi

Una spinta importante alla crescita del fatturato Iva è arrivata certamente dai bonus edilizi e in particolare dal superbonus del 110 per cento che sta trainando i lavori di efficientamento energetico e di messa in sicurezza degli edifici. Dall'analisi elaborata dai tecnici del Mef, infatti emerge che nel primo semestre di quest'anno i maggiori aumenti percentuali di imponibile sono stati registrati dalle costruzioni (+36,1%) e dall'estrazione di minerali da cave e miniere (+31,9%).

Subito a ruota, con una crescita del 31,1% tra i settori che hanno fatto registrare le performance migliori, ci sono le attività manifatturiere.

Sopra la media del primo semestre 2021 con oltre il 24% si attesta anche l'imponibile Iva dei professionisti e registrato dalle Finanze sotto la voce attività professionali, scientifiche e tecniche. La ristorazione e le attività ricettive, complice anche l’avvio della stagione estiva, hanno fatto registrare una crescita del fatturato nel solo mese di giugno di oltre l’82%, mentre per il primo semestre il settore di attesta a un imponibile Iva in crescita del 13,8% rispetto allo steso periodo del 2020.

I settori ancora in crisi

I settori che al contrario hanno fatto ancora segno negativo sono quello che il Fisco evidenzia come «Organizzazioni ed organismi extraterritoriali» che si attesta a -91,1. Sempre in saldo negativo con un meno 47,3% spiccano le attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico che, come spiega il report del Mef includono anche i condomini.

Da evidenziare, visto anche il momento in cui sulle bollette elettriche domina il rischio stangata e il Governo è in cerca di una soluzione per ridurre gli aumenti di almeno un terzo per famiglie e imprese , il calo di fatturato che hanno fatto registrare i servizi di fornitura di energia, luce e gas. Dopo un recupero del 29% nel mese di maggio, per altro unico dato con segno positivo nei primi sei mesi dell’anno, la fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata tornare in zona negativa con un leggero -0,6% per il mese di giugno. mentre sul semestre la variazione risulta negativa e di quasi il 10% (- 9,8% secondo il report del ministero dell’Economia).

Le performance sul territorio

A livello territoriale, l’imponibile Iva da e-fattura vede in testa a un’ipotetica classifica il Friuli Venezia Giulia (+31,9%) seguita da due regioni del Sud come Calabria e Sicilia dove la fatturazione elettronica ha fatto aumentare l’imponibile Iva di oltre il 29% rispetto al primo semestre 2020. Tra tutte le regioni soltanto il Lazio ha subito una leggera flessione dello 0,8 per cento.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti