ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDati economici

Fatturato del gruppo Armani sopra i 2 miliardi, l’utile 2021 cresce del 43% rispetto al pre Covid

Il primo semestre 2022 conferma il trend positivo, con ricavi in salita del 20% - Le basi dell’azienda sono solidissime: la posizione finanziaria netta supera il miliardo

di Giulia Crivelli

 Giorgio Armani tra le modelle della sfilata Armani Privé del 6 luglio

3' di lettura

Il gruppo costruito e tuttora saldamente guidato da Giorgio Armani è talmente diversificato – e unico nel panorama dell’industria della moda italiana e globale – da dover illustrare i risultati d’esercizio distinguendo tra ricavi netti consolidati e fatturato indotto, rappresentato dalle vendite di prodotti a marchio Armani effettuate direttamente dal gruppo e dai licenziatari terzi. Entrambi i dati relativi al 2021 sono ottimi e hanno raggiunto gli obiettivi di ripresa post Covid con ampio anticipo. I ricavi netti sono saliti del 26,3% a 2,019 miliardi; quelli indotti sono il doppio, 4,056 miliardi, in aumento del 23,7% rispetto ai 3,278 miliardi del 2020.

Bene anche gli utili

Letteralmente ribaltati gli indici di redditività: nel 2021 l’ebit (risultato operativo) è stato di 171,2 milioni, a fronte di un dato negativo per 29,5 milioni nel 2020. Ancora meglio l’utile netto consolidato (depurato cioè di gestione finanziaria e oneri fiscali), che nello scorso anno è arrivato a 169,9 milioni (pari all’8,4% dei ricavi netti). Un valore nettamente superiore anche rispetto al 2019, quando la pandemia non era neppure immaginabile: quell’esercizio si era chiuso con un utile netto di 119 milioni, con un’incidenza sui ricavi di tre punti inferiore (5,5%) rispetto a quella del 2021.

Loading...

Obiettivi raggiunti

«Nel 2021 il gruppo ha raggiunto con un anno di anticipo l’obiettivo di tornare oltre i 4 miliardi di fatturato indotto e oltre i 2 miliardi di fatturato diretto, obiettivo che ci eravamo prefissati per il 2022 – spiegano Giuseppe Marsocci e Daniele Ballestrazzi, rispettivamente vicedirettore generale e chief commercial officer e vicedirettore geranle e chief operation officer del gruppo Armani –. Risultati ancora più incoraggianti perché ottenuti riducendo la dimensione delle collezioni con un’attenta selezione della distribuzione, coerenti con i principi fondanti del marchio del “meno è meglio”, che resta la strategia di medio e lungo termine del gruppo Armani».

Cauto ottimismo sul 2022

Come conferma il fondatore, che guida l’azienda non solo da direttore creativo, ma da presidente e amministratore delegato: «La notevole crescita del 2021, confermata dall’andamento positivo del primo semestre di quest’anno, mi rendono cautamente ottimista», ha commentato Giorgio Armani, che solo negli negli ultimi due mesi ha presentato a Milano le collezioni uomo e a Parigi la linea Armani Privé, all’interno della settimana francese dell’alta moda. Last but not least, la “sua” Olimpia ha vinto il campionato italiano di pallacanestro battendo a metà giugno la Virtus Bologna e Armani si è unito ai festeggiamenti per il 29° scudetto della storia della squadra. L’unica differenza tra lui e i giocatori, nelle foto, era l’altezza; i sorrisi e l’entusiasmo per aver raggiunto un traguardo sportivo arrivato dopo un biennio molto difficile davano allo stilista e imprenditore un aspetto di molti anni più giovane (nella foto in alto, Giorgio Armani tra le modelle della sfilata Armani Privé del 6 luglio di Parigi).

Il trend del primo semestre

Tornando ai dati, il periodo gennaio-giugno 2022, hanno spiegato Marsocci, Ballestrazzi e lo stesso Armani, rafforza il quadro positivo: i ricavi a cambi correnti sono cresciuti del 20% sul 2021 e hanno superato quelli pre pandemici del 2019, «ponendo le basi per un significativo miglioramento della redditività operativa». Nessuno nega le incognite della seconda parte dell’anno però, dal conflitto tra Russia e Ucraina alle eventuali nuove ondate pandemiche e all’inasprimento delle politiche monetarie della banche centrali per contenere l’inflazione. A rendere ancora più solide le basi del gruppo Armani sono inoltre la posizione finanziaria e il patrimonio netto consolidato: la prima, al 31 dicembre 2021, risultava di 1,12 miliardi (+21% rispetto alla fine del 2020), il secondo è aumentato di 98 milioni a 2,108 miliardi.

Strategie di distribuzione

Da segnalare infine la crescita vicina al 40% dei ricavi dei punti vendita gestiti direttamente dal gruppo, che nel 2021 sono arrivati a rappresentare il 50% dei ricavi netti consolidati. Un’ulteriore conferma della strategia distributiva del gruppo Armani: come ogni altro brand e azienda della moda, ai tradizione canali ha aggiunto l’online, ma il retail fisico resta centrale. Il 2022 è stato l’anno dell’apertura del primo negozio in Italia a insegna A|X Armani Exchange, marchio del gruppo che da quest’anno è anche legato all’amata squadra di basket Olimpia. Lanciato nel 1991 a New York, il marchio ha sempre avuto uno spirito inclusivo e democratico: è stato una delle innumerevoli intuizioni di Armani, considerando che 30 anni fa nessuno parlava di questi temi. Il negozio di Milano è in corso Vittorio Emanuele e il team è stato selezionato con un’attività di affissioni e una campagna social, con lo slogan “I need you”. In realtà è il mondo della moda che continua ad aver bisogno di Giorgio Armani.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti