speciale pitti uomo

Fatturato raddoppiato in tre anni per Il Bisonte

di Silvia Pieraccini

Zaino con ampie tasche frontali

2' di lettura

È cresciuto del 30% nel 2017 e di un altro 30% nel 2018, superando così i 35 milioni di fatturato grazie al traino dell’export, che pesa per il 90% ed è concentrato in Giappone, primo e storico mercato di sbocco (conta 40 negozi monomarca). Ora il marchio di pelletteria Il Bisonte vuole sì continuare lo sviluppo, ma diversificando i mercati senza snaturarsi e senza perdere l’identità casual-chic e il sapore artigianale che lo caratterizzano da quando è nato, nel 1970, e che non si sono persi col passaggio nel 2015 al fondo britannico di private equity Palamon.

Proprio per ampliare la presenza internazionale, accanto all’amministratore delegato Sofia Ciucchi è arrivato da poco un presidente come Giacomo Santucci, una lunga esperienza nel mondo della moda e una fitta rete di relazioni: «Mi aiuteranno per individuare partner che aiutino lo sviluppo internazionale del brand», spiega.

Loading...

La spinta è attesa dall’Europa, ma soprattutto dall’Asia-Pacifico e dagli Usa, dove Il Bisonte intende accelerare. Nei mesi scorsi sono stati aperti due negozi monomarca a Hong Kong, i primi a gestione diretta in Asia, che saranno apripista per il mercato cinese, vero “osservato speciale”. Tra poche settimane, a fine gennaio-inizio febbraio, aprirà un monomarca a New York, nel Greenwich Village: 100 metri quadrati frutto di un investimento diretto che serviranno anche per eventi e showroom.

«Vogliamo essere un marchio che mantiene il sapore storico ma diventa globale – spiega Sofia Ciucchi – e pensiamo di poter parlare con uno stile molto contemporaneo senza rinunciare mai alla qualità e alla produzione fatta tutta nel raggio di pochi chilometri dalla sede dell’azienda a Pontassieve». La rete degli artigiani-terzisti che lavora per Il Bisonte è già salita da 25 a 40 laboratori, con oltre 400 persone dell’indotto che si affiancano alle 140 interne all’azienda (25 assunte nell’ultimo anno).

Il rafforzamento produttivo sta andando a braccetto con quello digitale – previsto il lancio di una piattaforma e-commerce _ e con l’ampliamento dello stabilimento, che ha guadagnato un nuovo centro logistico. Del resto per quest’anno le previsioni indicano una crescita ancora a doppia cifra, che dovrebbe portare vicino ai 40 milioni di ricavi: vorrebbe dire raddoppiare il business in un triennio.

Un bel traguardo per il marchio famoso per le borse in vacchetta, fondato a Firenze 48 anni fa dall’eclettico Wanny Di Filippo che ne è rimasto ambasciatore.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti