automotive

Fca, accordo con Engie Eps per jv leader nella mobilità elettrica

L'accordo darà vita «a un nuovo player tecnologico italiano dell'e-mobility, con accesso a un portafoglio di centinaia di brevetti e segreti industriali, un solido team di progettisti elettrici e di sistemi, e con una consolidata esperienza industriale automobilistica»

3' di lettura

Accordo tra Fca ed Engie Eps per la creazione di una joint venture «leader nel panorama europeo della e-mobility». Nel dettaglio, Fca Italy ed Engie Eps, società attiva nell'energy storage e nella mobilità elettrica, hanno stipulato un memorandum d'intesa che dovrebbe portare alla nascita della jv nel primo trimestre del 2021. La nuova società, che in base alla struttura di governance concordata sarà consolidata integralmente da Engie Eps, «potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza industriale di Fca e del know-how tecnologico e del portafoglio di proprietà intellettuale di Engie Eps». Advisor di quest’ultima nell’operazione è Lazard.

L'obiettivo, spiega una nota, è unire «le forze per entrare nella nuova era della mobilità sostenibile con soluzioni e servizi innovativi pensati per consentire a tutti di accedere alla mobilità elettrica in maniera semplice e conveniente». «La firma di questo memorandum d'intesa è il frutto di tre anni di proficua collaborazione tra le due aziende, collaborazione che ha consentito di realizzare progetti rivoluzionari, come la easyWallbox realizzata in esclusiva per FCA (un'unità di ricarica plug-and-play estremamente intuitiva) il progetto pilota V2G lanciato di recente e gli innovativi pacchetti energetici dedicati ai clienti», ha commentato l'amministratore delegato di Fca Mike Manley.

Loading...

La transazione sarà soggetta alle condizioni standard e ai necessari via libera delle autorità. La firma degli accordi è attesa entro l'anno.La nuova società, prosegue la nota, «offrirà ai clienti europei di veicoli elettrici una gamma completa di prodotti e soluzioni, come infrastrutture di ricarica residenziali, commerciali e pubbliche e pacchetti di energia verde che consentiranno ai clienti di ricaricare il proprio veicolo a casa, o in qualsiasi punto di ricarica pubblico di tutta Europa, con un semplice abbonamento a canone mensile fisso».

L'accordo darà quindi vita «a un nuovo player tecnologico italiano dell'e-mobility, con accesso a un portafoglio di centinaia di brevetti e segreti industriali, un solido team di progettisti elettrici e di sistemi, e con una consolidata esperienza industriale automobilistica. La joint venture beneficerà infatti del contributo di entrambe le parti in termini di proprietà intellettuale, di risorse umane e finanziarie, e si concentrerà su soluzioni rivoluzionarie per il mercato europeo dell'e-mobility».

L'operazione rappresenterà quindi un'importante evoluzione strategica dei portafogli di prodotti dei due gruppi e un importante passo avanti verso l'eliminazione delle barriere che ostacolano la transizione all'e-mobility in Europa. «La joint venture che abbiamo concepito potrà consentire un coinvolgimento ancora maggiore di entrambe le parti per ampliare la portata dell'attuale cooperazione e sviluppare ulteriormente prodotti e servizi innovativi che favoriscano e sostengano una transizione priva di ostacoli alla mobilità elettrica nell'area europea», ha notato ancora Manley.

Fiat Chrysler Automobiles sotto i riflettori a Piazza Affari dopo l'annuncio della firma di un memorandum d'intesa con Engie Eps per la creazione di una jv leader nella mobilità elettrica. I titoli del Lingotto cedono l'1,5%, mentre a Parigi quelli di Engie segnano -1,9%. Volano invece i titoli Engie Eps, con un guadagno vicino al 17% a 11,20 euro.

«L'elettrificazione rappresenta un trend inevitabile destinato a rivoluzionare la mobilità urbana e, soprattutto, un cambiamento di paradigma inarrestabile del sistema energetico globale - ha notato da parte sua Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato e direttore generale di Engie Eps -. La firma di questo memorandum d'intesa è la testimonianza dell'impegno comune volto ad accelerare questa trasformazione verso un futuro più sostenibile. L'Italia ha lasciato un segno profondo nella storia con le sue eccellenze nel settore automotive e nello sviluppo ditecnologie innovative per il settore energetico. La joint venture - ha concluso - è l'occasione per consolidare questo patrimonio e allo stesso tempo delineare la strada da percorrere verso una mobilità a zero emissioni».

Engie Eps è «il player tecnologico e industriale del gruppo Engie che sviluppa tecnologie per rivoluzionare il paradigma nel sistema energetico globale verso fonti di energia rinnovabile e la mobilità elettrica». Ha sede legale a Parigi con «ricerca, sviluppo e produzione in Italia».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti